Log in
Teatro Fenaroli Lanciano

Teatro Fenaroli Lanciano

Teatro ragazzi - Tutti matti per Matilde

Domenica 7 Marzo 2010 ore 16:30

ovvero: i bambini... molto meglio non farli arrabbiare
testo e regia di Daniele Milani
una produzione L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione in collaborazione con Associazione A Bocca Aperta

Matilde è uno spettacolo che tratta con sferzante comicità e spirito paradossale argomenti fondamentali della crescita del bambino. Attraverso la maschera grottesca, tipica dello stile di Roald Dahl, si parla del rapporto dei bambini con il mondo adulto, con particolare attenzione alla figura della madre e del suo principale alter-ego sociale, quello cioè dell'insegnante. Da questo punto di vista infatti è possibile evidenziare in Matilde alcuni richiami profondi (ma non espliciti) a fiabe tradizionali quali Hansel e Gretel e Pollicino. Il messaggio fondamentale della storia è che il bambino ha bisogno di intessere intorno a sé una rete di relazioni basate sull'amore, perché solo questo è capace di farlo crescere in maniera armonica e sana. Molto spesso però questo principio elementare viene totalmente disatteso dalla società, che costringe i piccoli a compiere imprese eccezionali durante la crescita. Matilde è una storia che parla al cuore di tutti i bambini lasciati troppo soli o trascurati, di tutti bambini a cui, per superficialità o per disgrazia, sono venute a mancare figure di riferimento del mondo adulto... a tutti questi bambini la storia vuole infondere il coraggio di andare avanti e non darsi per vinti, il coraggio necessario a credere nelle proprie capacità. La storia insegna a diffidare delle apparenze, dei finti divertimenti, dei falsi ben pensanti e a stabilire con gli adulti, ma anche con i coetanei, rapporti basati su scambi affettivi sani e profondi. In questo la scuola e la cultura in generale, giocano un ruolo fondamentale. Quando l'insegnamento non si fa coercitivo e schematico, quando rispetta la personalità del bambino, quando lo guida attraverso un reale percorso di formazione e di crescita, gli dona gli strumenti indispensabili ad affrontare le difficoltà della vita, giungendo perfino a sostituire degnamente le carenze della sfera affettiva. Il tutto, però, è presente nella storia in maniera leggera, con un uso magistrale della metafora e dell'iperbole, figure retoriche di cui Dahl è maestro indiscusso; grazie al suo irresistibile spirito comico e apparentemente scanzonato, Dahl riesce infatti ad evitare qualsiasi retorica e luogo comune.

 

Leggi tutto...

Teatro ragazzi - Cartacantastorie

Domenica 21 Febbraio 2010 ore 16:30

scritto e diretto da Sante Maurizi - una produzione La Botte e il Cilindro, Sassari

C’era una volta una bambina che abitava in una casa molto carina. La bambina amava disegnare, e quello che disegnava alle volte iniziava a muoversi, come fosse vivo: un albero, un tavolo, un semino, un fiore. E non erano le uniche cose che in quella casa prendevano vita: al cavalluccio a dondolo della bimba una notte erano spuntate le ali, e così Gerolamo, il suo orsetto, ci era salito sopra, e assieme avevano preso il volo su, su nel cielo, fino alla luna… L’unico problema di quella casa un po’ magica è che non c’era il tetto. A dire il vero non c’era neanche la cucina, e nemmeno il pavimento. Ma era una casa proprio bella, bella davvero. E stava in via dei Matti numero zero. Era vicina a dove facevano la fiera, dove una volta un babbo un po’ distratto era andato di corsa per cercare qualcosa da regalare alla figlia il giorno del suo compleanno. Alla fiera vendevano di tutto: acqua, gatti, fuoco, bastoni…, ma quel babbo, con i due soldi che aveva, scelse di comprare per la sua bimba un topolino…

 

Sono le melodie che tutti i bambini conoscono a essere lo spunto narrativo per «Cartacantastorie», cantate e animate dal vivo con immagini e colori proiettati sul grande schermo. Un viaggio coinvolgente fra le canzoni più note di Angelo Branduardi o di Sergio Endrigo con Vinicius de Moraes e Gianni Rodari, arrangiate per l’occasione dal maestro Mario Mariani. Con la fiducia che il teatro sia ancora un luogo privilegiato per comunicare e raccontare: con il corpo o con la sola forza della parola, oppure con un burattino, o magari oggi anche con un computer e un video-proiettore. Intrecciando storie come fanno (ancora?) i genitori, i quali alla domanda “me la racconti?” iniziano a incastrare trame e personaggi finendo per non capirci più niente. Osvaldo Cavandoli, il mitico inventore di «Linea» e della «Mucca Carolina» - scomparso recentemente -, è un grande artista al quale «Cartacantastorie» vuole rendere omaggio.

 

Sguardo e udito dei piccoli spettatori, attentissimi e divertiti, corrono tra i due poli: la luce disegnata sul telo e la voce dell’attrice. Il cortocircuito tra immagine e parola dà corpo al racconto, gli conferisce senso. Il gioco dei rimandi da un estremo all’altro svela il segreto: il senso sta nella tensione che anima il dialogo e che smonta le apparenze, gli oggetti e le situazioni, le piccole cose di tutti i giorni, ricomponendoli in una visione altra, poetica. E’ il gioco che i bambini applicano spontaneamente alla realtà e nel quale solo poche volte trascinano, per miracolo, gli adulti. E’ il gioco che «Cartacantastorie» propone con leggerezza e con ironia. Un gioco meravigliosamente riuscito.

 

Leggi tutto...

Teatro ragazzi - Il brutto anatroccolo

Domenica 7 Febbraio 2010, ore 16:30

ovvero …che importa se si nasce in un pollaio quando si esce da un uovo di cigno?…
scritto e diretto da Maria Cristina Giambruno
una produzione L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione

…il brutto anatroccolo…alzi la mano chi non si è sentito, almeno per un attimo della propria vita come il goffo palmipede della novella di Andersen. Ebbene in questa nostra civiltà dell’immagine (e troppo poco - ahimè - della sostanza) che celebra la bellezza (pseudo) e il genio (pseudo) a tutti costi e non tollera neanche l’acne juvenilis - per non parlare della forfora!!! - e schiaccia chiunque non primeggi, io so, per esperienze quotidiane, che un bambino continuamente costretto a rapportarsi a un mondo così fatuo, troppo spesso si sente, consciamente o no, un povero brutto anatroccolo, rifiutato e deriso quando non abbandonato. E allora… allora c’è bisogna di credere in una metamorfosi, in un cambiamento totale che restituisca una persuasione alla vita, una voglia di combattere e conquistarsi una felicità che resista e che investa anche gli altri che amiamo.

 

E allora… questa messa in scena a partire da Andersen è un invito a riflettere sugli affetti veri che fanno la vita bella e degna di essere vissuta, su quanto sia importante stringere i denti e lottare per essi… e insieme è un segnale di solidarietà a tutti i brutti anatroccoli del mondo, me compresa… ma lo spettacolo, s’intende, è ancora altro…

 

Leggi tutto...

Teatro ragazzi - Le avventure di Pinocchio

Domenica 24 Gennaio 2010, ore 16:30

 

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

ovvero: il solito ceppo d'albero fatato

di Marina Allegri - regia Maurizio Bercini

una produzione Fontemaggiore, Perugia

 

Un altro sguardo su Pinocchio, un'altra lettura di un libro che, come tutti i classici, non finisce mai di stupire. Questa volta un Pinocchio ormai adulto, capita per caso nel Granteatro dei Burattini. Curiosità, destino, appartenenza… Lo spettatore “casuale” pescato in platea per colpa dello squillo di un cellulare, re-incontrerà i personaggi più importanti della storia di Pinocchio, della “sua” storia. Si ritroverà burattino tra i burattini, cane alla catena, ammonito dal Grillo, accusato dalla Fatina. Incontrerà il serpente sibilante, il giudice gorilla, le faine canterine e di nuovo, finalmente, il suo babbino nella pancia del pescecane. E cosi’, sollecitato da queste apparizioni, trasformerà il suo rifiuto a riconoscersi Pinocchio, nella voglia di finire la storia, per poterla ricominciare, rivivendo la sua infanzia a ritroso fino a diventare di nuovo, il solito ceppo d’albero fatato.

 

Leggi tutto...

Template Extras

  • Pubblicato in Demo
Afterburner2 is an experiment in how streamlined a Gantry template can be whilst still being stunning and usable. Many extras have been removed, but still contains styling for major elements.
Dropdowns
A CSS based dropdown menu system.
Typography
Elements are styled by a streamlined version of Bootstrap.
Optimized
Afterburner2 has only one image, which is 3KB in size.
Leggi tutto...

Mambo License Guidelines

Learn more about how Mambo is licensed and how this affects you.

Mambo is released under the GNU General Public license (GNU GPL).The GNU GPL provides for a person or persons to distribute Mambo for a fee, but not actually charging for the software itself, because Mambo is free. Mambo is free to share and change, but if you do change it in anyway, can you also change the license and make it commercial? No! The whole GPL is devoted to ensuring this does not happen. Copyright, a much more refined and stringent law will prevent this as well.

So with regard to Mambo, the GPL and copyright:

You MAY distribute it and charge for that service. You MAY change it, add design and content to it and you MAY charge for that. You may NOT alter the license and you must NOT alter the copyright. You do NOT have to show a 'Powered by Mambo' graphic, as it not a copyright notice.

In other words, you must NOT pretend that Mambo is yours, and you must NOT charge people for Mambo.

Use Mambo to empower yourself and your clients by taking away the 'Black Magic' that surrounds putting content on the internet. Charge for the value you add and not for the hard work that Miro, the Mambo Development Team and the Mambo community have put into it.

Guidelines:

Mambo is "free" software released under the GNU General Public License (GPL).

The word "free'' has two legitimate general meanings; it can refer either to freedom or to price. When we speak of "free software'', we're talking about freedom, not price. (Think of "free speech'', not "free beer''.)

Free software is a matter of the users' freedom to run, copy, distribute, study, change and improve the software. More precisely, it refers to four kinds of freedom, for the users of the software:

  • The freedom to run the program, for any purpose.
  • The freedom to study how the program works, and adapt it to your needs
    • Access to the source code is a precondition for this.
  • The freedom to redistribute copies so you can help your neighbour.
  • The freedom to improve the program, and release your improvements to the public, so that the whole community benefits.
    • Access to the source code is a precondition for this

1. What license is Mambo released under?

Mambo is released under the GNU GPL. A copy of this is included with your copy of Mambo and can also be found at http://www.fsf.org/licenses/gpl.html. Unofficial translations can also be found at http://www.fsf.org/licenses/translations.html.

2. Who owns the copyright to Mambo?

The copyright to Mambo is held by Miro International Pty Ltd. Miro were the original authors of Mambo and continue to actively support the project.

3. Are there any restrictions to your use of Mambo?

The GNU GPL grants you the freedom to use the software for whatever purpose you see fit.

4. May I charge money for Mambo?

The GPL allows everyone the freedom to do this. The right to charge money to distribute Mambo is part of the definition of "free" software.

When people think of "selling software'', they usually imagine doing it the way most companies do it: making the software proprietary rather than free. So to avoid ambiguity you may you may charge to distribute the software and any other service you provide along the way. You may not charge for the software itself.

Remember if someone pays your fee the GPL also gives him or her the freedom to pass on the software with or without a fee.

5. May I remove "powered by Mambo, Copyright Miro etc" from the footer?

Yes you can although we would hope that you would retain it as a badge of honour.

6. May I remove the "copyright" statements from the source code to Mambo?

No, you must keep all copyright notices and credits in the source code.

7. Does the GPL mean that my website content is also GPL?

No. The copyright and license of Mambo does not cover the content that you create. Using Mambo does not place any restrictions, legally, on the license or copyright you use for the content of your website.

8. I have modified Mambo for my own web site. Do I have to release these modifications?

The GPL permits anyone to make a modified version for their own use without the requirement to distribute it or pass on those changes to others.

9. I have made a modification (hack) to the Mambo core code. Do I have to release it under the GPL?

If you chose to distribute your modifications to others it must be released under the same terms that you received the original code. So your modifications must be released under the GPL. You may of course in this case modify the headers for the source code to include your own copyright statement. If you do so you must clearly annotate in the source code your amendments, changes or additions.

10. I have written a Component, Module, Template for Mambo. Do I have to release it under the GPL?

No The GPL allows you to write your own extensions for Mambo and to release those extensions under whatever license you chose.

11. I have written a Component, Module, Template for Mambo and released it under the GPL and I charge a fee for it, but website X is giving it away for free.

If someone pays your fee the GPL also gives him or her the freedom to pass on the software with or without a fee. Placing a restriction on someone's use of GPL licensed software is in breach of the GPL itself.

12. May I purchase a copy of Mambo, which has the copyright statements removed?

Although other GPL products may be available in this way Mambo is not.

13. I believe person A is in breach of the GPL what should I do?

You should report it. First check all the facts that you can and then report it by sending an e-mail to Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

14. Who has the power to enforce the GNU GPL license of Mambo?

Only the copyright holder, Miro International Pty Ltd, has the power to do this. If the Mambo Development Team finds, or is made aware of, a breach of the GPL they will report it to Miro for them to take any necessary action.

Miro takes copyright infringement very seriously and will prosecute to the full extent of the law.

15. Website X is using, or offering, my non-GPL Component, Module, Template without my permission, or in breach of its license, can you help me?

Whilst this is not within the remit or responsibility of Mambo we are willing to act as intermediaries in this on your behalf. In most cases these situations arise out of simple misunderstandings and can be settled amicably. You should e-mail full details to Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

DISCLAIMER

This document refers to the software program Mambo, Version 4.x and all subsequent versions, released under the GNU General Public License and copyright Miro International Pty Ltd.

This document is subject to additions, modifications and other changes at any time without notice.

A lawyer has not prepared this document. You should consult a lawyer experienced in copyright, licensing and intellectual property for clarification.

Document Rev. 1.4 - 17th August 2004


Leggi tutto...

Il Teatro Fenaroli nel XIX secolo

Il Teatro Fenaroli e le attivita' musicali a Lanciano nell'800

di Gianfranco Miscia -  tratto dal libretto pubblicato a cura del Comune di Lanciano in occasione della riapertura del Teatro.

La riapertura del Teatro "Fenaroli" di Lanciano dopo molti anni e' certamente un evento importante per il fatto che la citta' si riappropria di un luogo fisico adeguato allo svolgimento delle attivita' musicali e di prosa e quindi di una istituzione che gioca un ruolo significativo nella formazione del cittadino. Eppure si deve constatare che rispetto al secolo scorso il teatro ha cambiato funzioni e soprattutto ha perduto quella centralita' nella produzione e fruizione culturale che spesso portava la cittadinanza a richiederne con gran forza e a costo di sacrifici la sua istituzione. Cio' si e' verificato anche nel caso di Lanciano le cui attivita' teatrali avevano una solida tradizione le cui prime notizie certe risalgono al 1730, mentre si comincia a parlare di una struttura adibita a teatro nel 1761 quando venne stipulato un contratto di locazione per costruirne uno nel fondaco denominato lo "stallone" vicino alla chiesa della SS. Annunziata (1). Infatti l'esistenza di un teatro a Lanciano e' comprovata dall'Indice de' teatrali spettacoli del 1785/86 che lo cita come unico in Abruzzo assieme a quello dell'Aquila (2). Lo stesso Benedetto Croce ci fa sapere che "anche a Lanciano c'era un teatro pubblico, del quale nel 1787 era proprietario un D. Vincenzo Giordano. Mentre nel 1790 ne era impresario il primo violino D. Nicola Corcilli" (3). Inizialmente quindi si trattava di un fondaco adattato alle esigenze teatrali ma sufficiente a consentire lo svolgimento delle rappresentazioni e tra l'altro anche quello delle "filodrammatiche" locali (4). Una attivita' teatrale multiforme molto spesso collegata alla musica che non puo' essere scissa neanche da forme drammaturgiche di matrice religiosa che poi vedeva impegnati in qualita' di librettisti personaggi di spicco dell'intellighenzia abruzzese come Domenico Ravizza che aveva composto il libretto Per la beatificazione del gran servo di Dio Fedele da Sigmaringa musicato da Francesco Antonio Fenaroli, e il figlio Vincenzo, mentre nell'Ottocento spiccano i nomi di Carlo Madonna, Gianvincenzo Pellicciotti, Innocenzo Gambescia, Domenico e Francesco Genoino (5).

In ogni caso solo in pieno Ottocento e precisamente il 28 gennaio 1815 venne avanzata la prima proposta di costruire un teatro comunale poi ripresa nel 1826 quando il Decurionato nella seduta del 31 marzo di quell'anno delibera che:

in ogni anno e sino al totale compimento del suddetto teatro si ponga nello stato di variazioni e, nello stato quinquennale fra gli altri articoli di esito quello di ducati mille in ogni anno in preferenza di tutte le altre spese pubbliche comunali; ed in caso estremo vi sia impiegato il fondo dell'illuminazione notturna, la quale potrebbe rimanere sospesa durante la costruzione del teatro (6).

Se ne riparlera' ancora nel 1833 ma la struttura verra' ultimata su disegno dell'ingegnere Taddeo Salvini di Orsogna nel 1841 quando la citta' frentana riusci' ad inaugurare il Teatro San Francesco (in omaggio alla dinastia borbonica) con la Lucia di Lammermoor di Donizetti e La Norma di Bellini per il genere serio e con l'opera buffa La dama e lo zoccolaio di Vincenzo Fioravanti maestro di cappella della Santa Casa del Ponte negli anni 1838-1843, che era stata rappresentata nello stesso anno al Teatro "S. Ferdinando" di Chieti (divenuto dopo il 1860 Teatro Marrucino), dopo la prima al Teatro "Nuovo" di Napoli del 1840 (7). Un altra data memorabile fu quella del 22 aprile 1847 quando ci fu la consacrazione ufficiale alla presenza del re Ferdinando II e della regina (8). Certamente il Teatro di Lanciano chiamato inizialmente "Maria Cristina" (9) poi "S. Francesco" ed infine divenuto "Teatro Fenaroli" dopo la caduta della dinastia borbonica, assieme al "S. Ferdinando" di Chieti e al "Real Borbonico" di Vasto era tra i piu' importanti del circondario, considerando che nell'Ottocento ogni paese piccolo o grande d'Abruzzo aveva una propria stagione teatrale. D'altra parte a Lanciano e in particolare nel Teatro Fenaroli si erano esibiti moltissimi artisti di vaglia (10): Ermete Zacconi , Giacinta Pezzana, Ermete Novelli, Antonio Cotogni, Maria Pizzagalli (11), Luigi Arditi, Davide Suarcia (12), Giuseppe Dell'Orefice (13). Soprattutto per quello che riguarda le attivita' teatrali e musicali dell'ultima parte del secolo XIX , molte informazioni le ricaviamo dai giornali locali dell'epoca che si soffermano spesso con dovizia di particolari sugli avvenimenti artistici. In particolare per Lanciano si rileva prezioso il periodico locale settimanale I 3 Abruzzi, che comincio' ad uscire a partire dal 1888 (14). Una testimonianza preziosa e insostituibile che dimostra la grande vivacita' culturale della provincia in fondo non troppo ai margini degli eventi della cultura musicale nazionale.

Le attivita' di spettacolo piu' importanti erano ovviamente quelle relative alla stagione di prosa e alla stagione operistica che venivano organizzate secondo il modello del teatro impresariale. Infatti come si legge al Capo II del "Regolamento teatrale della citta' di Lanciano" del 1869 (15):

...chiunque desidera la concessione del Teatro, per qualsivoglia spettacolo e divertimento, dovra' farne domanda al Sindaco, nella quale si noteranno il numero delle recite, i componenti le compagnie, se di musica le Opere, e se drammatica, l'elenco delle produzioni. La Deputazione presieduta dal Sindaco, risolvera' su tutte le domande di concessione del Teatro.

La responsabilita' finale era quindi attribuita alla Deputazione teatrale, ma la programmazione, e il rischio, erano affidati agli impresari che preparavano i cartelloni dei due tradizionali periodi di Carnevale-Quaresima e di autunno. Indubbiamente, a giudicare dalle cronache, la parte del leone la faceva il melodramma come risulta chiaramente dagli annunci comparsi su I 3 Abruzzi anche solo a voler considerare il periodo 1888-1893. Infatti in quel torno di anni i cittadini di Lanciano e dintorni poterono assistere, tra l'altro, alle seguenti opere: prima del Faust di Charles Gounod (8 settembre 1888) ; Guarany di Carlos Antonio Gomes (20 settembre 1889); Norma di Bellini e Nabucco di Verdi (1891); Contessa d'Amalfi di Errico Petrella (1892); Don Pasticcio di Francesco Paolo Bellini (1893). Si trattava evidentemente di opere note gia' stabilmente entrate in repertorio, di altre oggi meno conosciute ma a quel tempo ancora in cartellone, e altre ancora di compositori locali che presumibilmente avevano un circuito assolutamente limitato. Sempre per quello che riguarda il teatro d'opera, negli anni successivi al Teatro Fenaroli di Lanciano gli abruzzesi poterono assistere ai seguenti spettacoli (16): Cavalleria Rusticana di Mascagni, Mignon di Thomas (1897); La Gioconda di Ponchielli, una serata dedicata al basso Paolo Wualman, e La Favorita di Donizetti (1898); Histoire d'un Pierrot di Mario Costa, composta nel 1893 e data nel 1899; la Boheme di Puccini e l'Otello di Verdi (1908); Geisha (1909); Zaza di Leoncavallo, Pescatori di Perle di Bizet e Sonnambula di Bellini (1913).

Non era certamente estranea alle attivita' teatrali la prosa anche se non si poteva considerare preminente. Ad esempio nel 1899 sul periodico I 3 Abruzzi si scrissero fiumi di inchiostro, con articoli fino ad otto colonne e a piu' riprese (4, 13, 21 e 27 settembre; 5 e 13 ottobre) sulla Stagione Autunnale che vedeva presente la Drammatica Compagnia diretta dalla valente artista Teresa Boetti Valvassura. Un evento che consenti' agli abruzzesi di assistere, tra l'altro, alle seguenti rappresentazioni: Il Padrone delle ferriere di Ohnet, Spiritismo di Sardou, Maria Stuarda di Schiller, Il Deputato di Bombignac e Le sorprese del divorzio di Bisson, Romanzo di un giovane povero di Feuillet, Il trionfo d'amore di Giacosa, La locandiera di Goldoni. Questi pochi elementi sulle attivita' culturali in provincia diventano assai piu' significativi se confrontati con l'attivita' musicale complessiva della citta' frentana (17) che oltre al teatro si svolgeva nella Cattedrale ad opera della cappella musicale della Santa Casa del Ponte (18), nei circoli privati (valga per tutte la Casa di Conversazione fondata a Lanciano il 16 dicembre 1872 e ricostruita il 12 aprile 1945 dopo la guerra (19)), grazie alle Societa' Operaie di mutuo soccorso, nelle bande e in occasione dei privati intrattenimenti.

Ritornando ad esaminare le rappresentazioni del periodo 1888-1893 ci si rende conto dei molti aspetti significativi. Intanto e' interessante notare che in quegli anni la direzione d'orchestra fu affidata spesso a Vittorio Pepe, soprannominato lo Strauss d'Abruzzo (20) che dopo essere stato a Milano ed aver avuto la fortuna di avere Ricordi come editore, si era ritirato in Abruzzo e aveva avuto successo come direttore d'orchestra e compositore di brani soprattutto pianistici, potendo godere tra l'altro della stima di Gabriele D'Annunzio che lo aveva proposto alla guida della corporazione musicale "Luisa D'Annunzio" di Pescara (21). In secondo luogo sappiamo dal periodico I 3 Abruzzi che soprattutto alla fine delle rappresentazioni veniva dato spazio alle composizioni degli artisti locali tra i quali spiccano Francesco Paolo Bellini (che era stato allievo di Francesco Masciangelo e Camillo De Nardis (22)) attivo non solo in teatro ma in tantissime altre occasioni musicali, rimasto nella memoria dei cittadini di Lanciano per il fatto che ancora oggi si eseguono in occasione del Venerdi' Santo alcune sue composizioni sacre, e Giovanni Gargarella anch'egli allievo di Masciangelo (23). Non sfugge alle cronache lo stesso Masciangelo che era stato prima organista (dal 1846) e poi maestro di cappella della Santa Casa del Ponte dal 1950 ininterrottamente fino ai primi del Novecento e che aveva svolto un ruolo significativo a Lanciano e piu' in generale in Abruzzo (anche se figura negli articoli esaminati quale responsabile della preparazione delle masse corali necessarie alle rappresentazioni operistiche) (24), le cui opere avevano avuto spesso il battesimo nel Teatro Fenaroli che lo vedeva volta a volta presente in qualita' di compositore, direttore d'orchestra o preparatore dei cori. Un personaggio centrale per la vita musicale abruzzese dell'Ottocento anche per aver svolto una lunga attivita' didattica. Non a caso Masciangelo ebbe numerosi allievi di vaglia alcuni dei quali aventi sicura personalita' artistica, tra cui, Ottino Ranalli di Ortona e Alfonso Cipollone, pianista, compositore e insegnante di canto originario di Fara San Martino che compose un numero notevolissimo di brani pianisti, molti dei quali vincitori di numerosi premi. (25) Proprio ad Alfonso Cipollone Masciangelo scriveva una lettera dai toni affettuosi pubblicata sul n. 17 de I 3 Abruzzi del 9 maggio 1893 interessante anche per il giudizio espresso su alcune opere:

Mio affezionatissimo Alfonso,

Il Vostro gentile pensiero di dedicarmi il graziosissimo, quanto elegante Pezzettino Air de danse mi ha commosso oltremodo, e ve ne ringrazio con tutta la vivezza artistica.In esso vi e' tutto gusto fino, incarnato al vero studio di scorrevolezza, e spontaneita', principiando dalle prime sedici battute fino alla chiusa di esso, senza divergere punto dal proposto andamento. Evviva al mio Alfonso! Lo Abruzzo (...sic!) vi ammira, e vi fa plauso come operoso instancabile in Melodie per Piano, dalle quali si scorge sempre piu' il vostro approfondire nell'Arte, ed il vostro crescente amore per essa.

Oh! si', che ho letto con piacere tutte le altre vostre Melodie stampate da quello elegante Editore Signor Carlo Schmidl di Trieste; e fra esse ho trovato bella e cara, e bene svolta quella Melodia Je pense a' toi. Come pure quella Visions du Bal ove scorgessi un fraseggiamento facile e bello, e nell'un tempo elegante. Che dire di quella graziosa Gavottina pure semplice che e' lo stile piu' difficile in tali tempi di siccita' melodica ?. E della Barcarolle che e' pure indovinata fino alla dolce chiusa che indica le placide onde del mare rischiarate dall'argentea Luna ? E di quella Carmencita collegata tanto bene al lontanissimo pensiero del Bizzet ? (...sic!)

Evviva dunque il M.° Alfonso Cipollone ! Abbiatevi Alfonso mio un bacio caldissimo, e tutto artistico. Pero' l'Arte musicale, che e' indefinita, vuole la perseveranza: quindi sempre al lavoro, e senza riposo. "Avanti dunque avanti".

Vostro Aff. mo
M° Francesco Masciangelo

<><> 

Lo stesso Camillo De Nardis, piu' volte ricordato nelle lettere scritte da Masciangelo a Florimo, archivista del Conservatorio "S.Pietro a Maiella" di Napoli, dopo i primi insegnamenti musicali ricevuti nella natia Orsogna venne spedito al Conservatorio di Napoli con una raccomandazione che il maestro del duomo di Lanciano rivolgeva al direttore Mercadante. (26) Pure Francesco Paolo Bellini di cui abbiamo gia' parlato era stato allievo del Masciangelo visto che su una copia della composizione Prime ca sci, dope ca no stampata dai Fratelli Cocchi di Bologna su testo di Cesare De Titta e dedicata "Agli Sposi Novelli Rosmunda Tomei e Gennaro Finamore", Bellini scrive la dedica autografa: "Al Distinto mio Maestro Signor Francesco Masciangelo in segno di stima". Ma il Teatro non era solo il luogo delle rappresentazioni operistiche o di prosa, in esso trovavano spazio le filodrammatiche locali che si esibivano spesso per beneficenza. Per fare solo un esempio ricordiamo la Compagnia Lillipuziana Lancianese che debutto' nel 1909 con una scena comica scritta da Rosmunda Tomei Finamore (27) e con l'operetta La eredita' del principe diretta dal maestro Fortunato De Rubertis. Non solo, il teatro veniva anche utilizzato per feste, veglioni e altre situazioni occasionali in cui la musica era sempre presente e spesso le manifestazioni avevano uno scopo di pubblica utilita'. L'incasso del concerto dato da Ida Fiorino e dall'arpista Argia Favata' nel 1899 venne versato alla Congrega di Carita' a beneficio dei bambini, mentre lo spettacolo delle cantanti Giuseppina Brasile De Crecchio e Rosmunda Tomei Finamore accompagnate al piano dal maestro Bellini , aveva per scopo di contribuire a sostenere l'attivita' dell'Ospedale Renzetti (28).

D'altra parte lo stesso regolamento citato menzionava al capo VIII la concessione del teatro per "Veglioni, Accademie, feste da ballo a carata". Il teatro era quindi un luogo di cultura che coinvolgeva non solo le compagnie professionali ma anche i cittadini nel duplice senso di spettatori e attori, ma soprattutto coinvolgeva le masse orchestrali e i musicisti locali che trovavano cosi' occasioni professionali e di guadagno. Questo aspetto e' sommamente importante poiche' l'indagine storica ci consente di poter affermare che nell'Ottocento era attivo un circuito musicale che consentiva per esempio ai musicisti della cappella musicale del Duomo di Lanciano di esibirsi nel Teatro "Fenaroli" ma anche di dirigere le proprie bande, anzi la stessa possibilita' di allestire le opere era dovuta proprio al fatto che si trovavano in loco molti musicisti e cantanti di solida formazione (29). Infatti, come risulta tra l'altro nei registri delle deliberazioni della Deputazione teatrale, la possibilita' di organizzare produzioni operistiche, ovvero gli spettacoli piu' richiesti, con una certa frequenza e con costi decisamente meno gravosi per le casse comunali, stava proprio nel poter contare su un certo numero di musicisti operanti sul territorio che trovavano cosi' altre occasioni professionali e di guadagno. Un aspetto noto in Italia gia' a partire dal Settecento (30), che si differenziava dalla organizzazione delle compagnie di prosa formate quasi sempre da artisti forestieri. Nicola Tatasciore, Nicola Centofanti, Francesco Basciano, oltre ad essere tutti personaggi chiave della cappella musicale del Duomo di Lanciano avevano fondato anche proprie compagini bandistiche (il primo la prima Banda Comunale, il secondo la Banda "Fenaroli"), mentre Domenico Simiani, valentissimo clarinettista, Francesco Corcilli, primo violino direttore e quasi tutti i componenti la cappella musicale della Santa Casa del Ponte suonavano nelle bande e nei teatri di tutta la regione.

In Abruzzo nell'Ottocento esiste infatti un livello di collegamento stretto tra ambito musicale e teatrale. Il teatro era il luogo dove si rappresentano le opere, si diffondeva il repertorio melodrammatico, si trovavano gli spazi per la produzione locale, si esibivano i migliori musicisti del posto, si celebravano i momenti significativi dell'anno, si stringevano amicizie. Non sarebbe pensabile oggi che il pubblico potesse addirittura scrivere in onere di questo o quel personaggio delle poesie, come invece accadeva nel secolo scorso. Cosi' fece anche Raffaele Mariani che su I 3 Abruzzi del 1897 (31) indirizzava al basso Fucili il seguente componimento:

PE' LA SIRATA D'UNORE

DI LU BASSE

donn'Ezie Fucile

Langiane, 6 ottobre 1897

Crede ca tu li si', ca stu pajese

Pe la mu'seche va pe' nnumminate:

A ecche appene une nu' mutive ha 'ndese,

Mbe', ti la rifa' 'ghi na' ciuffelate.

E nne sbaie 'na note chi scia 'mbese,

Fusse pure nu povere scacchiate,

Che 'nzaccocce 'nde manche nu turnese

Pe 'ndra' a la picciunare 'na sirate.

Si dunghe, tu si state applavudite,

Si mmo' nu' tanda feste te face'me,

A tte 'mbiande de mane te purte'me,

Ca si' ddavere brave s'e' capite:

Eeh! c'e' puche sunne: i na rindinneme!

CIRTE GIUVINETTE..

Sara' forse per questo che andare al teatro diventava evento e abitudine culturale irrinunciabile in un periodo in cui non erano ancora cambiate le modalita' di fruizione e produzione culturale conseguenti all'avvento della radio nei primi anni del Novecento e del cinema che a Lanciano fa la sua prima comparsa nel 1897 (32).

1 Corrado Marciani, Appunti per la storia dei teatri in Abruzzo, in Rivista Abruzzese, A.XX, n.1, 1967, p. 36-37.

2 Lorenzo Bianconi, Il teatro d'opera in Italia, Bologna, Il Mulino, 1993, tabella n.1

3 Benedetto Croce, I teatri di Napoli in Archivio Storico per le province Napoletane, A. XVI, fasc. III, 1891, p.574

4 Corrado Marciani, Appunti per la storia dei teatri in Abruzzo, in Rivista Abruzzese, A.XX, n.1, 1967

5 Mario Zuccarini, Drammi sacri, azioni sacre, oratorii, cantate e inni sacri in Abruzzo dal XVII al XX secolo, Chieti, Amministrazione provinciale, 1994.

6 Corrado Marciani, Regesti , vol.VIII, 1820-27

7 Mario Zuccarini, Il Teatro Marrucino. Chieti, Marino Solfanelli editore, 1993, p.82.

8 ivi, p.44. Cfr. anche le deliberazioni decurionali conservate nella Biblioteca Comunale "R.Liberatore" di Lanciano.

9 Edilizia e urbanistica a Lanciano 1830-1930.Mostra documentaria a cura della Cooperativa delle Arti e dei Mestieri, Bucchianico, Casa Editrice Tinari, 1995

10 Le informazioni vengono in parte tratte da un interessante dattiloscritto di Arnaldo Capretti conservato nel fascicolo Teatro della Biblioteca Comunale di Lanciano.

11 Cfr. I 3 Abruzzi, A.II, n.31, 3 agosto 1889 e A.IV, n.37, 20 settembre 1891.

12 Risulta tra i membri della cappella musicale della cattedrale negli anni 1853-1855. Archivio Storico Diocesano di Lanciano.

13 Archivio Storico Comunale di Lanciano, busta 1, categoria XV, Deliberazioni della Deputazione teatrale. Nel 1877 i verbali parlano della rappresentazione dell'opera piu' famosa del compositore nativo di Fara Filiorum Petri, la Romilda dei Bardi.

14 I 3 Abruzzi aveva la redazione e l'amministrazione a Lanciano in Strada tribunali n.28 e veniva stampato dalla Tipografia Tommasini. Nazario D'Onofrio era il gerente responsabile.

15 Regolamento teatrale della citta' di Lanciano, Lanciano, Tipografia Masciangelo, 1869.

16 Tutte le informazioni sono tratte da I 3 Abruzzi.

17 Francesco Sanvitale (con la collaborazione di Gianfranco Miscia), La tradizione musicale in Lanciano citta' d'arti e marcanti, Pescara, Carsa Edizioni, 1995.

18 Op.cit.

19 Casa di Conversazione di Lanciano, Statuto, Lanciano, Tipografia Masciangelo, s.d.

20 Antonio Piovano, Immagini e fatti dell'arte musicale in Abruzzo, Pescara, Didattica Costantini, 1980

21 Tommaso Ciampella, Vittorio Pepe, musicista abruzzese in Rivista Abruzzese, A .XV, 1962 n 1e 2.

22 Archivio Storico Diocesano di Lanciano, fondo della Santa Casa del Ponte, Cappella musicale, busta. V-G/5 n.4. Lettera del 21 maggio 1904.

23 ASDL, fondo della Santa Casa del Ponte, Cappella musicale, b. V-G/5 n.4. Lettera del 22 maggio 1904.

24 Gianfranco Miscia, Tradizioni musicali della Settimana Santa in Miserere, immagini e suoni della Settimana Santa in Abruzzo, Ortona, Edizioni Menabo', 1997

25 Vedi DEUMM, Torino, 1990. Appendice, p. 178

26 Francesco Contaldi, A proposito di un musicista abruzzese in Rivista Abruzzese, a. XIII, fasc. VII, 1898. La medesima informazione la si ricava dall'articolo scritto da Pio Costantini nel numero monografico dedicato a Camillo De Nardis pubblicato nel n.3, 1957 della Rivista Abruzzese.

27 I 3 Abruzzi, A. XXII, n.8, 21 febbraio 1909.

28 I 3 Abruzzi, A. XI, n.18, 19 maggio 1898.

29 Elvidio Surian, Manuale di Storia della musica, vol. II, Milano, Rugginenti Editore, 1992, p. 352-353. Cfr anche: Walter Tortoreto, La musica e i musicisti in Abruzzo tra la seconda meta' dell'Ottocento e i primi del Novecento, in Tosti, Torino, EDT, 1991.

30 Elvidio Surian, Manuale di Storia della musica, vol. II, Milano, Rugginenti Editore, 1992, p. 352-353.

31 I 3 Abruzzi, A.X, n.36, 9 ottobre 1897.

32 I 3 Abruzzi, A.X, n.9, 9 marzo 1897.

Leggi tutto...

Le opere di restauro degli anni '90

Considerazioni in ordine al restauro ed ampliamento del Teatro Fedele Fenaroli in Lanciano
di Luigi Caliterna e Domenico Nativio - tratto dal libretto pubblicato a cura del Comune di Lanciano in occasione della riapertura del Teatro

Chiamato dopo numerose esperienze restaurative su teatri italiani, presi contatto con la citta' di Lanciano con molto entusiasmo. Non potevo immaginare in un primo momento la straordinaria vocazione teatrale della citta' che risale a tempi lontani e che ha dato i natali a musicisti di grande valore e prestigio.

Studiandone la storia appresi che assai prima del 1700 esisteva gia' una scuola musicale molto attiva i cui esponenti maggiori furono Aurelio De Faya, Camillo ed Orazio Sabino e, piu' tardi, Francesco Antonio Fenaroli padre di Fedele.

A seguito di un'attivita' musicale di cosi' grande rilievo nacque la necessita' della realizzazione di un Teatro Comunale al servizio della citta'. Nel gennaio del 1815 il Sindaco Concezio Rossi ne individuo' il sito nell'ex Convento dei Padri Conventuali (San Francesco).

Fu proposto anche un progettista nella persona dell'Ing. Eugenio Michitelli che a sua volta propose di utilizzare il chiostro del Convento dove aveva sede la Casa Comunale.

Dovevano pero' passare ancora svariati anni affinche' il Sindaco Michele Di Giorgio potesse prendere definitivamente in mano la situazione portandola alla fase esecutiva. Se ne commise il disegno all'Ing. Taddeo Salvini il quale reputo' piu' adatto l'edificio dove sorgeva l'ex Collegio delle scuole Pie. Egli presento' ben quattro progetti.

Per passare subito all'esecuzione il Decurionato delibero' di chiedere subito l'approvazione all'Autorita' tutoria e la dispensa dalle consuete revisioni dei disegni "per essere stati eseguiti dall'uomo dell'arte ben conosciuto per il suo ingegno e per avere dato riprove nelle costruzioni dei teatri di Foggia, Vasto, Chieti, Penne ed attualmente incaricato per la costruzione del Teatro di Taranto".

Nel 1840 avvicinandosi il momento dell'inaugurazione il Decurionato, sull'esempio dei Napoletani, che avevano dedicato due dei loro teatri ai Re Carlo e Ferdinando, delibero' di manifestare il profondo attaccamento che la citta' di Lanciano aveva sempre avuto per la Dinastia intitolando il teatro alla Regina Maria Cristina.

Il cronista lancianese Carmine De Giorgio riferisce che il Teatro con 44 palchi divisi in tre ordini, il loggione e la platea di oltre cento posti, fu inaugurato nel carnevale del 1841 con l'opera buffa "La dama e lo zoccolaio" espressamente musicata da Francesco Fioravanti. Peraltro la notizia e' rettificata, o perlomeno riportata nei suoi giusti termini, dal Sindaco dell'epoca Carlo Tommasini, il quale nella seduta decurionale del 1° marzo 1841, propose e fece deliberare lo stanziamento di altri fondi per il Teatro che, "provvisoriamente posto in attivita'", mancava ancora delle decorazioni interne e del completamento della prospettiva. Per tali motivi nel 1843 Lanciano teneva ancora a stipendio con 40 ducati al mese, l'Arch. Salvini che, oltre ad essere stato il disegnatore e progettista, diresse anche i lavori di costruzione.

Infine, nel febbraio del 1845 troviamo una deliberazione per il pagamento di 1422 ducati a Leopoldo Galluzzi, scenografo del teatro San Carlo di Napoli, il quale entro il mese di maggio di quell'anno avrebbe dovuto ultimare i lavori di dipinture scenografiche, di coloriture dei palchi, indorature ed altri ornamenti.

Quindi la data della solenne inaugurazione deve essere considerata quella del 22 aprile 1847 con l'intervento del Re Ferdinando II, della Regina e del rispettivo seguito "essendo il teatro a bella posta parato a festa con sestuplicata illuminazione a cerati".

Con la caduta dei Borboni il teatro fu intitolato a Fedele Fenaroli.

Dopo la guerra 1915/18 l'incremento demografico ed il costo delle compagnie resero insufficienti i vecchi edifici ed antieconomica la gestione dei Teatri. D'altra parte il cinema, chiamato la decima musa, con l'offrire spettacoli continuati ed a buon mercato, distolse il pubblico dalle rappresentazioni interpretate da attori.

In questo periodo si assiste alla chiusura di molti Teatri ed alla loro trasformazione in sale di proiezione cinematografica ed alla conseguente spasmodica ricerca di una maggiore capienza.

Non sfugge a questa condizione nemmeno il Teatro Fenaroli che nel 1933, tale e' la data del progetto ritrovato, realizza l'abbattimento degli ultimi due ordini di palchi con la conseguente costruzione di una grande balconata a gradoni che ne snatura completamente l'architettura.

Anche il controsoffitto decorato viene demolito per far posto ad uno nuovo di foggia diversa che, malamente raccordato, tenta di coprire il nuovo anomalo svilupparsi della sala.

In epoca successiva, non paghi di tali prodezze, viene anche abbassato il livello della platea nell'intento di ricavare alcuni posti, lateralmente, sotto il primo ordine di palchi.

In questa situazione si giunge fino al giorni nostri. Un organismo disarticolato, non rispondente alle piu' elementari normative funzionali e di sicurezza, ma soprattutto deteriorato nelle strutture, fatiscente e pericoloso. Tanto da decretarne la inagibilita'.

Il progetto di ripristino del teatro Fenaroli non e' solo una pura operazione di restauro di un edificio architettonico di valore, bensi' un intervento di recupero di un elemento fondamentale nella struttura storico-culturale della Citta' di Lanciano.

Un'altra importante motivazione scaturisce dalla realta' regionale alla quale appartiene Lanciano dove, nel tessuto urbano, sono presenti i caratteri di una autentica vocazione culturale del Teatro ed alla quale appartiene di diritto la Citta' di Lanciano la quale e' gia' da tempo titolare di manifestazioni culturali di interesse nazionale.

La destinazione a cinematografo che gli fu imposta durante gli anni '30, non solo ha fatto perdere al Teatro il suo originale carattere ma ha modificato in modo violento l'aspetto architettonico interno con un radicale sventramento.

Questo intervento che eliminava l'espressione culturale del teatro nella Citta' allo stesso tempo la privava di un elemento architettonico caratteristico, in quanto per fare posto alle esigenze di ampliamento, che esigeva l'uso a cinematografo, venivano demoliti gli ultimi due ordini di palchi cosi' come il soffitto con le decorazioni originali.

Il danno sarebbe stato irrecuperabile se non fosse per i documenti che si sono ritrovati che testimoniano l'aspetto originale del Teatro prima di essere sventrato. Il progetto di restauro si basa per quanto possibile su questa documentazione. Con tali elementi e' stata possibile una esatta ricomposizione senza arbitrarie ricostruzioni che non sarebbero ammesse comunque in un corretto intervento di restauro.

Si sono potute ritrovare fotografie degli esterni che mostrano chiaramente la genesi dell'attuale facciata principale. A questo proposito pare interessante rilevare che, mentre all'interno il Teatro aveva in origine un suo aspetto definito e compiuto, all'esterno la facciata sembrava carente e mancante di una definizione architettonica completa.

Sorge quindi spontanea l'osservazione che l'intervento del '33 abbia deturpato internamente la sala cambiandone la fisionomia e l'architettura, ma che al contrario, sia risultato positivo per quanto riguarda il completamento del fronte principale esterno.

Su quali elementi si sia basato tale completamento non e' dato saperlo; non si comprende in assoluto se trattasi di opera dello stesso Ingegnere progettista ovvero della realizzazione di un progetto originale rimasto incompiuto.

Per quanto riguarda l'interno e' stato possibile ritrovare una fotografia della sala, anteriore all'abbassamento della platea e creazione della gradinata, che mostra chiaramente l'assetto del Fenaroli su quattro ordini di palchi, dei quali l'ultimo costituisce il loggione, ed il soffitto di copertura originale decorata pittoricamente con motivi peraltro non bene decifrabili. La foto mostra inoltre chiaramente che i primi tre ordini di palchi erano contenuti nell'altezza delle lesene di proscenio mentre il 4° ordine a quota superiore, era sempre in grado di consentire una discreta visibilita' laterale perche' la quota risultava piu' bassa dell'arco scenico.

Ultimati i lavori di ampliamento e restauro, lavori che costituiscono una vera ristrutturazione di tutto il complesso, il Teatro Fenaroli si presenta oggi come un organismo completo in grado di rispondere a tutte le esigenze che si presentano per l'attivita' di strutture di tal genere e mole.

Nei lunghi anni impegnati per la realizzazione si sono eseguiti ben tre lotti di lavori che hanno portato alla attuale situazione. I tempi trascorsi si sono resi necessari per reperire i finanziamenti occorrenti che non sempre sono stati tempestivamente concessi. Cio' ha determinato l'accennata suddivisione in lotti ed anche considerevoli tempi morti tra un lotto e l'altro.

Peraltro come primo risultato dell'operazione si ebbe nel 1989 la utilizzazione dei piccolo teatro "ex Cinema Mazzini" che e' entrato in funzione a pieno ritmo a testimonianza della necessita' di attrezzature di tale tipo per la citta' di Lanciano.

E' stato ricomposto l'originale assetto architettonico della sala con i suoi quattro ordini di palchi e la sua cupola di copertura. Naturalmente si e' proceduto all'abbattimento della impropria e deturpante gradinata realizzata al momento della trasformazione in sala cinematografica. Sono stati pero' utilizzati gli spazi tergali soprastanti l'atrio di accesso destinandoli a due sovrapposti foyer. Cio' ha consentito di lasciare inalterato il fronte esterno sulla via dei Frentani ormai architettonicamente, concluso e consolidato.

La fatiscente copertura in legno e' stata interamente sostituita con altra costituita da capriate di acciaio. Con gli stessi materiali e' stato eseguito l'ampliamento del palcoscenico ottenendo cosi' gli spazi necessari per realizzare ben otto camerini per gli artisti, n. 4 cameroni per gli artisti del coro e per le comparse. A piano sottopalcoscenico sono stati invece ricavati in posizione sottostante ai camerini due ambienti di notevoli dimensioni destinati a spogliatoio per i professori d'orchestra.

Nella zona sottostante al perimetro della sala esistevano anticamente alcuni grandi ambienti da molti anni dismessi ed adibiti a magazzini comunali. Questi locali coperti da belle volte in mattoni erano peraltro di difficile utilizzazione perche', all'epoca della costruzione del teatro, per sostenere le murature curvilinee che delimitavano la sala, i palchi ed i corridoi dei medesimi erano stati eretti tre grossi pilastri in muratura delle dimensioni di circa mt. 4.00x3.00. Naturalmente queste strutture annullavano completamente la funzionalita' degli ambienti per il loro ingombro e per l'impatto estetico.

Si e' proceduto al recupero dei locali eliminando tutte le strutture murarie a sostegno della sala del teatro, sostituendole con una delicata ed ardita struttura in acciaio che sostiene tutti i carichi delle murature e delle persone riportando gli sforzi sui muri portanti perimetrali.

L'intervento articolato e complesso, e' stato premiato dal recupero dei bellissimi ambienti che sono stati pensati per accogliere i servizi del complesso teatrale lancianese. Intendendosi con tale dizione l'insieme composto dal piccolo teatro ex Cinema Mazzini, dal teatro F. Fenaroli e, in certi casi, dal contiguo Ponte di Diocleziano.

L'asse di collegamento per queste fruizioni e' costituito dalla via della Torre completamente coperta, ora esclusa dal traffico veicolare, recentemente pavimentata con pregiato materiale lapideo policromo. Addirittura si potrebbe ipotizzare l'utilizzazione dei grandi locali bar ed altri adiacenti quale centro di ritrovo con regolare esercizio funzionante tutti i giorni, indipendentemente dall'attivita' teatrale. Potrebbe quindi costituirsi per la citta'' di Lanciano un polo di attrazione per tutti coloro che, amanti della musica e dello spettacolo, desiderano ritrovarsi in qualsiasi ora della giornata. In altre parole un vero centro teatrale del quale poche citta' possono disporre.

Particolare cura si e' avuta nell'affrontare i problemi della sicurezza considerando anche le ultime disposizioni emanate durante il corso dei lavori con il Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 n. 149. Con tale Decreto vengono infatti stabilite rigide norme per garantire la sicurezza del pubblico e dei lavoratori nei locali di pubblico spettacolo.

E' stato quindi organizzato un sistema di uscite di sicurezza che fa parte di un preciso sistema di sfollamento accuratamente studiato ed e' stata realizzata ex novo una struttura esterna per contenere una scala di sicurezza collegata direttamente verso l'esterno che garantisca un rapido sfollamento degli spettatori che provengono dai palchi e anche da altri ordini di posti. Anche in questo senso si ritiene di avere ottenuto il massimo risultato pur trattandosi di un edificio esistente che, purtroppo, per uno dei suoi lati e' addossato e confina con il Palazzo Comunale. Comunque tutti i materiali usati sono dei tipo regolamentare conforme alle ultime norme antincendio.

Il complesso teatrale e' anche fruibile dai portatori di handicap, poiche' si e' studiata la possibilita' di raggiungere, secondo le prescrizioni della Legge 13/89 la maggior parte dei posti. Sono infatti facilmente raggiungibili l'atrio di ingresso, il foyer del quarto ordine, il bar, la platea ed il secondo ed il quarto ordine dei palchi. Difficolta' tecniche dovute alla limitata altezza dei piani delle balconate impediscono all'elevatore le fermate al primo e terzo ordine.

Il palco centrale del secondo e quarto ordine e' dotato di apparecchiatura telefonica per cui un eventuale spettatore portatore di handicap potra' comunicare sia con l'impianto interno del teatro che con l'esterno. Sono stati inoltre predisposti n. 4 servizi igienici regolamentari con idonee apparecchiature per uso esclusivo di spettatori disabili.

Dopo aver completato la ricostruzione del terzo e quarto ordine dei palchi si e' proceduto ad un'attenta ricostruzione delle decorazioni a stucco che adornavano i parapetti. I motivi ornamentali, fortunatamente, sono stati chiaramente individuati e riprodotti esattamente, tra quelli che ancora esistevano al primo e secondo ordine e sulle barcacce di proscenio. Ne e' risultato un complesso armonioso che ripropone con assoluta certezza l'aspetto originale del teatro.

Le decorazioni del primo e secondo ordine, delle barcacce e dell'arco scenico che sono invece del tutto originali sono state sottoposte ad un'attenta e minuziosa opera di restauro preceduta da una meticolosa operazione di pulitura che ha messo in luce le varie stratificazioni del colore, delle dorature e la finezza del modellato. La stessa cura si e' avuta nel trattare gli elementi lignei che costituiscono i divisori tra i palchi restaurando i motivi decorativi e scultorei in gesso, ed anche i piccoli cartigli contenenti una deliziosa testina posta al centro dell'architrave di ciascun palco.

Questa opera puntuale e minuziosa ha consentito il recupero totale delle fasce costituite dai parapetti dei palchi del primo e secondo ordine e dalle barcacce che conservano quindi, come gia' detto, oltre le originali decorazioni, gli stucchi e le cromie autentiche.

Per quanto riguarda invece il terzo e quarto ordine dei palchi ricostruiti, il cornicione di coronamento della sala e la cupola di copertura si e' volutamente differenziata la coloritura per evidenziare la nuova esecuzione e documentare cio' che di nuovo e' stato realizzato senza ricorrere a ingiustificate mimetizzazioni.

Particolare cura si' e' avuta nel restauro dell'arco scenico finemente decorato che appariva ben conservato dopo la prima operazione di pulitura.

Tutte le dorature sono state eseguite con oro zecchino in foglia e non con porporina stesa a pennello, destinata nel tempo ad annerire, come purtroppo era avvenuto nelle trasformazioni degli anni '30.

Si e' provveduto alla illuminazione, della sala mediante appliques collocati nelle posizioni originali rilevate in una vecchia fotografia. Anche la forma dei corpi illuminanti, appositamente disegnati, riprende le linee fondamentali con il cartoccio "appeso" come compariva nella stessa fotografia. Questi applique, che in numero di 36 dispongono di un doppio braccio, sono sufficienti all'illuminazione della sala. Potranno essere in seguito integrati da un grande lampadario centrale che dovra' essere eseguito con gli stessi criteri, forme e materiali composti in modo da ottenere la necessaria grandezza ed importanza. Per il lampadario previsto, ma non realizzato per carenza di fondi, sono gia' predisposti l'argano di sospensione e sollevamento e le linee elettriche di alimentazione.

Gli stessi corpi illuminanti, composti in maniera diversa, sono stati utilizzati per l'atrio di ingresso, locale biglietteria, primo e secondo foyer, bar e parte terminale della nuova scala di sicurezza.

La sala e' stata accuratamente arredata utilizzando speciali velluti con regolare classificazione ignifuga allo scopo di evitare, in caso di incendio, produzione di fiamme e vapori venefici. Con gli stessi materiali sono stati confezionati il sipario, il panno di boccascena, l'arlecchino e tutti i componenti che inquadrano la scena. Lo stesso dicasi per il rivestimento delle poltrone, le buonegrazie dei palchi e, in una parola, tutto cio' che costituisce materiale tessile decorativo e funzionale. La tonalita' rossa e' stata prescelta facendo parte delle cromie originali del teatro ed il risultato mi sembra apprezzabile.

Anche la parte del teatro che il pubblico non vede, e' stata particolarmente curata allo scopo di rendere il teatro ben funzionante ed adatto a qualsiasi tipo di allestimento scenico moderno. Si puo' quindi pensare all'esecuzione di spettacoli di qualsiasi genere ed importanza compatibile con la mole del teatro.

Il palcoscenico di discrete dimensioni e' stato prolungato sul retro ottenendo una buona profondita' che consente realizzazioni sceniche importanti.

Il piano palcoscenico e' completamente suddiviso in botole amovibili delle dimensioni di circa ml. 1.20x1.20. La estrazione di tali botole consente la creazione di "trabocchetti" per la sparizione di personaggi od oggetti. L'accoppiamento di piu' estrazioni consente l'abbassamento di intere parti di scena utile per l'ottenimento di effetti speciali. L'estrazione di un'intera striscia di botole nel senso parallelo al boccascena puo' anche consentire l'effetto di una sparizione graduale di un oggetto o di' un gruppo di persone.

Il graticciato di manovra e' stato realizzato con correnti in legname ignifugato sui quali i macchinisti teatrali sono usi costruire di volta in volta le apparecchiature sceniche secondo la tradizione. A corredo del graticciato due ballatoi di manovra permettono l'utilizzazione di tutti i tagli (in numero di trenta) disponibili per appendere scenari dipinti.

Sono stati montati n. 3 tiri motorizzati in aiuto ai tiri manuali, nella speranza di poterli aumentare nel tempo, poiche' il costo e' contenuto e la installazione e' semplice.

L'illuminazione dall'alto avviene mediante tre ponti luce mobili che possono essere equipaggiati con numerosi proiettori e riflettori nei quattro colori necessari per tutte le esigenze di scena.

Altri proiettori possono essere collocati in posizioni diverse ed anche e' predisposto un piazzamento direttamente in sala per illuminare zone del palcoscenico con luce frontale.

Il parco lampade e' composto da numerosi proiettori da 500, 1000 e 2000 watt per un numero complessivo di 100 pezzi. Questo equipaggiamento, senz'altro superiore alla media, consente ottime possibilita' di effetti luminosi, diffusioni, proiezioni, e quant'altro necessario. L'impianto di regolazione delle luci dispone di n. 72 circuiti che raddoppiano all'uscita delle cassette di spinamento. Ogni circuito consente un carico di 2000 watt. A titolo esemplificativo si puo' quindi affermare che l'impianto luce massimo potrebbe assommare a ben 140 riflettori da 1000 watt!

Esiste anche la possibilita' di inserire nel quadro di alimentazione, delle cassette di spinamento i regolatori delle luci che utilizzano le compagnie di giro che possono operare portando i loro allestimenti nel Teatro Fenaroli.

E' stato inoltre realizzato un impianto di diffusione sonora che consente di trasmettere avvisi e segnali in tutto il teatro e nei locali destinati alla sosta del pubblico. Tale impianto durante lo svolgimento dello spettacolo consente l'audizione in tutti i camerini, cameroni e luoghi di lavoro ove sostano gli attori, il coro e le comparse. Tale possibilita' di seguire lo svolgimento dello spettacolo si e' dimostrata particolarmente utile poiche' i partecipanti possono prepararsi per l'entrata in scena al momento giusto senza ingombrare il palcoscenico e creare quindi disturbo agli addetti di scena, elettricisti ecc.

Il teatro e' naturalmente dotato di un completo impianto di climatizzazione estiva ed invernale particolarmente studiato per garantire un sufficiente numero di ricambi d'aria opportunamente filtrata e depurata. Inoltre un capace impianto per lo spegnimento degli incendi assicura l'utilizzazione di un congruo numero di idranti e di estintori.

E' certo che i lavori di ristrutturazione e restauro del Teatro Fenaroli offrono ora ampie possibilita' per l'esecuzione di qualsiasi tipo di spettacolo, certamente non inferiori ai locali della stessa grandezza esistenti oggi in Italia. Nel caso specifico si puo' affermare trattarsi di attrezzature di avanguardia poste in opera nelle giuste quantita' considerate volutamente superiori alla media.

Firenze, 8 febbraio 1998

 

 

Progettista e Direttore dei lavori:
Dr. Arch. Luigi Caliterna, Firenze

Collaboratori:
Dr. Arch. Cesare Hurtado Rampoldi, Firenze - Dr. Arch. Maria Di Benedetto, Firenze

Progettista e Direttore dei lavori delle strutture e degli impianti:
Dr. Ing. Domenico Nativio - Lanciano

Per la incondizionata fiducia loro accordata i progettisti ringraziano:
Avv. Attilio D'Amico - Sindaco di Lanciano
On. Sen. Prof. Giovanni Polidoro - Sindaco di Lanciano
Prof. Antonio Pasquini - Sindaco di Lanciano
Dr. Alfredo Sabella Commissario Prefettizio al Comune di Lanciano
Dr. Nicola Fosco - Sindaco di Lanciano

La Soprintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali dell'Aquila con particolare riguardo ai Funzionari addetti alla zona di Lanciano

Gli Uffici Comunali preposti

Hanno partecipato all'esecuzione dell'opera con competenza ed appassionata dedizione:

Opere edili
D'Alonzo Calcestruzzi s.n.c. - Altino (Chieti)
Associazione di Imprese Arch. G. Berni - Firenze
Benito Campitelli - Lanciano
De Vincenzo Geom. Giovanni - Campobasso
Ramilli Geom. Vincenzo - Forli'

Impianti di climatizzazione
Anxanum Service - Lanciano

Impianti elettrici
Fantini Nicola - Lanciano

Carpenteria metallica
Fratelli Dell'Elce - Lanciano

Arredi, tessuti, tendaggi
LAIMA - Venezia

Attrezzature di palcoscenico
ITALTECNICA - Padova

Restauro decorazioni murali e pittoriche
Gastone Costantini Restauratore - Lanciano

Il nostro ringraziamento e' esteso anche a coloro che, pur non citati, hanno fornito il loro prezioso contributo e la loro competenza per la realizzazione dell'opera.

Leggi tutto...

Immagini del Teatro Fenaroli

Galleria fotografica che mostra le trasformazioni nel tempo del Fenaroli

Image
L'8 febbraio 1998 i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone con la partecipazione di Uto Ughi hanno tenuto un concerto per celebrare la riapertura dopo i restauri.
Image
Disegno della facciata del teatro dell'ing. Salvini. la Parte inferiore fu realizzata dall'ing. Filippo Sargiacomo, quella superiore nella ristrutturazione effettuata nel 1938
Image
Struttura originaria del teatro. Si noti la platea a contatto con il primo ordine di palchi.
Image
Sistemazione del teatro del 1938. Furono smantellati gli ultimi due ordini di palchi e costruiti una balconata ed un loggione per aumentare i posti disponibili.
Image
L'interno del teatro dopo i restauri completati nel 1998. I lavori hanno riportato il teatro alla struttura originaria.
 

Leggi tutto...

Presentazione Stagione Teatrale 2012/2013

  • Pubblicato in Notizie

La XVI Stagione Teatrale del Teatro Fenaroli di Lanciano, offre 34 spettacoli, fra Prosa, Teatro Dialettale, Teatro Contemporaneo, Teatro della Memoria, Teatro Ragazzi, world music, gospel e uno spettacolo-evento fuori abbonamento.

La stagione teatrale di PROSA 2012/2013 del Fenaroli, nonostante il grave momento di crisi che attraversa il nostro Paese, propone un cartellone di tutto rispetto, capace non solo di ospitare le migliori produzioni del programma nazionale, ma anche di offrire al pubblico “assaggi” di vari generi teatrali, aumentando così lo spessore artistico e culturale.

La stagione di Prosa, infatti, spazia dal teatro classico a quello contemporaneo, dalla commedia musicale al musical, dalla farsa napoletana alla vaudeville francese.

Tanti i volti noti del panorama teatrale italiano che calcheranno il palcoscenico del Fenaroli.

Ad inaugurare la stagione (6 novembre 2012) sarà Arturo Cirillo estroso e pluripremiato attore e regista napoletano, che ci presenterà La Purga di Bebè di Georges Feydeau.

Seguirà lo spettacolo Eva contro Eva (17 novembre 2012), tratto dal famosissimo film del 1950, vincitore di ben sei premi Oscar, uno spettacolo raffinato ed acuto, affidato all’interpretazione di Pamela Villoresi che propone un tema ancor oggi di attualità: la ricerca di celebrità e l’apparire che rappresentano l’aspirazione più grande di ogni essere umano.

Sarà poi la volta di una delle coppie “sacre” del teatro italiano, Glauco Mauri e Roberto Sturno, che per il trentesimo anniversario del loro sodalizio artistico, ci presenteranno lo spettacolo dal titolo Quello che prende gli schiaffi del drammaturgo russo Andreev (4 dicembre 2012).

Gli auguri di Natale del Fenaroli al suo pubblico saranno affidati al musical Tutti insieme appassionatamente (18 dicembre 2012), propostaci dall’Accademia dello Spettacolo di Ortona, una emergente realtà teatrale locale che ha raggiunto risultati di grande spessore artistico tanto da essere annoverata nei cartelloni dei maggiori teatri italiani. Ad essa il Fenaroli è ben lieta di dare spazio nella stagione di prosa, quale segno di attenzione al territorio ed al suo sviluppo artistico e culturale.

Con il nuovo anno il sipario si aprirà su Il Borghese gentiluomo di Molière (19 gennaio 2013), interpretato da Massimo Venturiello e Tosca. Si tratta di un allestimento originalissimo che fa di questo lavoro uno spettacolo fortemente popolare, nel senso più alto del termine, in grado di coinvolgere lo spettatore e stimolarne la riflessione, descrivendo un mondo nel quale, nonostante la distanza temporale, è facile rispecchiarsi.

Il teatro napoletano è rappresentato in cartellone dalla famosa commedia Miseria e nobiltà di Scarpetta (28 gennaio 2013), affidata a Geppy Gleijeses e Lello Arena. Si tratta di un lavoro “nuovo”, che oltre alla sua famosa comicità, offre in questa produzione un sapiente mix tra il testo originale di Scarpetta, l’adattamento di Eduardo De Filippo e la sceneggiatura del film di Mattioli interpretato dal grande Totò.

Sarà poi la volta di Romeo e Giulietta (13 febbraio 2013), un classico di Shakespeare che si trasforma in una palestra per giovani attori, restituendo finalmente alla freschezza delle nuove generazioni questo capolavoro senza tempo. Sarà uno spettacolo che ci coinvolgerà: una storia esemplare di amore e morte dove l’aspetto visivo domina sull’impianto emotivo e la parola diventa l’unico motore della partecipazione degli spettatori.

A concludere la stagione sarà Corrado D’Elia con il Cirano di Bergerac di Rostand (4 marzo 2013), uno spettacolo che per la tredicesima stagione gira i teatri d’Italia riscuotendo un enorme successo di pubblico (oltre 150 mila spettatori in più di 1000 repliche). Un “evento” teatrale, giocato sulla vicende e le passioni espresse con momenti di comicità seguiti da drammi sconvolgenti.

Una stagione di prosa, dunque, ricca ed emozionante, variegata e coinvolgente, che la Deputazione Teatrale ha pensato di concludere con una “festa”, animata dallo spettacolo Fire Fly della Evolution Dance Theater (9 marzo 2013 con repliche alle ore 18.00 e 21.30). Sarà un vero e proprio evento (fuori abbonamento), che offrirà un viaggio incentrato sul sogno, la fantasia e la semplicità, un’esplosione di colori e luci in movimento dove creature mai viste slittano nello spazio, si elevano dal suolo e si snodano sul palco offrendo momenti di rara bellezza. Sarà una vera e propria festa per il pubblico e con il pubblico al quale, dopo ogni replica, verrà offerta la possibilità di incontrare gli artisti protagonisti dello spettacolo.

I 10 spettacoli di TEATRO DIALETTALE in programma nella Stagione Teatrale 2012/2013 saranno quelli in concorso nella X Edizione del Festival del Teatro Dialettale Città di Lanciano - Premio Maschera d’Oro, organizzato dall’Associazione Amici della Ribalta di Lanciano.

In scena compagnie provenienti da Abruzzo, Puglia e Toscana.

E poi ancora Rassegna di TEATRI RANDAGI con la direzione Artistica di Stefano Angelucci Marino, giunta alla settima edizione. Tre compagnie invitate, tre spettacoli e una creazione al suo debutto. Si comincia sabato 15 dicembre 2012 con lo spettacolo di commedia dell’arte Pedrolino alla riscossa della compagnia Teatro del Sangro per la regia e il testo del M° Giuliano Bonanni. Il 31 gennaio 2013 ospiteremo Vita spettacolo di circo-teatro della compagnia Sinakt di Torino. Infine venerdì 1 marzo 2013 sarà la volta della pièce Gli Ebrei sono matti di Dario Aggioli del Teatro Forsennato di Roma (spettacolo che ha vinto il Premio Giovani realtà del Teatro 2011). Sette anni orsono il Teatro Studio di Lanciano ha dato vita alla stagione di Teatro Contemporaneo Teatri Randagi al Teatro Fenaroli di Lanciano. A quella prima apparizione dei “randagi” sul palcoscenico e negli spazi del Teatro Comunale sono seguite altre sei edizioni, sempre più articolate e interessanti. L’intero sistema teatrale della Provincia di Chieti, seppur con diverse sfumature, ne è stato toccato e coinvolto. Teatri Randagi è divenuta una realtà forte ed autorevole, una rassegna di spettacoli che offre agli spettatori le indicazioni necessarie a seguire i percorsi della scena contemporanea, per poterne condividere aspirazioni e traguardi, anomalie e inquietudini. Grazie alla sua capacità di uscire dagli schemi, alla sua volontà di contaminare i generi, alla sua meticolosità organizzativa, il Teatro Studio di Lanciano, supportato dalle istituzioni, è riuscito a creare un appuntamento atteso con grande curiosità dal pubblico dell’intero Abruzzo meridionale. La stagione di spettacoli che stiamo per inaugurare spazierà nuovamente dalle scritture sceniche alle drammaturgie più significative di oggi.

Confermato anche per questa stagione il fortunato cartellone dedicato ai più piccoli, A TEATRO CON MAMMA E PAPA’, sempre a cura dell’Uovo, Teatro stabile di Innovazione dell’Aquila; in programma 5 spettacoli pomeridiani domenicali riservati ai bimbi fino ai 10 anni di età.

Non mancherà il consueto appuntamento con la WORLD MUSIC a cura dell’Associazione Them Romanò di Alexian Santino Spinelli con il 19° Festival Alexian & International Friends il 27 ottobre;Si esibiranno in concerto l'ORCHESTRA EUROPEA PER LA PACE, l’ALEXIAN GROUP, con la partecipazione di SILVIO ORLANDO; special Guest: DOMENICO SPADA (Campione del Mondo WBC Silver dei pesi medi), l'ON. RITA BERNARDINI, il Dott. ALBERTO D'ALESSANDRO, SERGIO ZAVOLI.

Il periodo natalizio vedrà l’esibizione di un trascinante gruppo GOSPEL, diretto da Nate Brown con lo spettacolo LIVING THE GOSPEL WASHINGTON GOSPEL VOICES, con canti natalizi della tradizione classica della musica religiosa afroamericana, spettacolo proposto dall’Associazione Amici della Musica “Fedele Fenaroli” di Lanciano.

La novità della stagione teatrale 2012/2013 è la presenza di un cartellone dedicato al TEATRO DELLA MEMORIA: una rassegna che ingloba e coniuga in sé tre caratteristiche che la rendono culturalmente interessante ed artisticamente valida. La prima peculiarità è che si tratta di spettacoli che, attraverso l’arte teatrale, ci raccontano pagine e personaggi della nostra storia, locale o mondiale. A ciò si aggiunge il fatto che queste storie ci vengono proposte da attori che operano nella nostra città (Gabriele Tinari, Stefano Angelucci Marino, Eva Martelli, Carmine Marino, Piera Spaziani). Terza caratteristica è che gli spettacoli verranno proposti presso l’Auditorium Diocleziano ed il Polo Museale Santo Spirito che, per l’occasione si trasformeranno in teatro per accogliere e far risuonare questi frammenti teatrali di storia. Questo interessante trinomio (raccontare la storia da parte di attori locali nei luoghi nella città) evidenzia, ancora una volta, la vivacità culturale della nostra Lanciano che, attraverso il Teatro della Memoria vuole offrire al pubblico momenti non solo artistici, ma anche di riflessione, auspicando che ciò possa coinvolgere in modo particolare i giovani, anche grazie all’accessibilissimo costo del biglietto d’ingresso.

Sarà riproposto il laboratorio “Dietro il sipario” rivolto agli studenti delle scuole medie superiori costituito da incontri periodici con attori e registi delle compagnie teatrali impegnate nel cartellone di prosa; in tal modo il teatro sarà un grande strumento educativo e di formazione per i giovani.

Un’ulteriore proposta per diffondere la cultura teatrale sarà quella di programmare incontri di cultura teatrale: conferenze spettacolo con personalità del mondo del teatro.

Segnaliamo, infine, la novità relativa all’introduzione di riduzioni per i possessori della Card delle Vie del Commercio per biglietti e abbonamenti di prosa e teatro dialettale (oltre alle riduzioni già presenti nelle passate Stagioni Teatrali). La collaborazione sinergica, che in tal modo si propone, fra l'Amministrazione Comunale e le attività imprenditoriali che operano “in centro”, potrà essere un volano del rilancio economico e culturale della nostra città.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Log in or Sign up