Lunedì, 02 Febbraio 2015 01:00

Regina Madre

Scritto da Alessandro Di Nunzio
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il 20 gennaio 2015, presso il teatro comunale "Fedele Fenaroli" di Lanciano, si è svolta l'opera teatrale intitolata "Regina Madre". Questa commedia, divisa in due atti, venne scritta nel 1985 da Manilo Santanelli, prendendo spunto da un classico "ritorno a casa". L'opera racconta il burrascoso e complicato rapporto tra madre e figlio che affrontano, dopo molti anni, una difficile convivenza, fatta di ricatti e di bugie. Alfredo, figlio ormai cinquantenne, interpretato da Antonello Avallone, sta attraversando un momento difficile della sua vita: sua moglie, infatti, lo ha lasciato ed il suo lavoro da giornalista non gli ha portato il successo sperato. Alfredo decide quindi di tornare a vivere da sua madre malata, con la scusa di accudirla. In realtà, il vero intento di Alfredo è quello di scrivere un libro nel quale raccontare la malattia e gli ultimi mesi di vita di sua madre. Tuttavia, Regina, la madre di Alfredo, interpretata da Milena Vukotic, nonostante la sua grave malattia, conosce molto bene suo figlio e scopre quasi subito il motivo della sua visita inaspettata. Si scatena così un complicato duello tra Regina ed Alfredo che si cercano, si inseguono e si scontrano tra passato, presente e futuro, generando menzogne, prevaricazioni e ricatti. Ed è proprio in questo momento dell'opera teatrale che emerge tutta la bravura recitativa di Milena Vukotic e di Antonello Avallone, capaci di evidenziare, in maniera anche comica, tutte le diverse sfaccettature di un rapporto difficile e complicato come quello tra una madre e un figlio. Alla fine è, però, Alfredo a soccombere, sfinito dalla forza e dalla testardaggine di Regina, tipica matriarca indistruttibile. L'ambientazione e i costumi, tipici degli anni '80, non impediscono assolutamente la riattualizzazione di un opera che il pubblico troverà sicuramente familiare e, inaspettatamente, moderna, ma, soprattutto, molto divertente ed appassionante.
Alessandro Di Nunzio
Liceo Classico "Vittorio Emanuele II" Classe I A
Letto 965 volte

Login Form