Lunedì, 15 Febbraio 2016 09:37

Una pura formalità - 26 gennaio 2016

Scritto da Alessandro Di Nunzio
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Già e... adesso?", questa l'ultima battuta pronunciata da uno dei protagonisti nello spettacolo teatrale "Una pura formalità", nato come film nel 1994 dalla mente brillante di Giuseppe Tornatore e portato sul palco da Glauco Mauri. La pièce ha un inizio in medias res che proietta il pubblico in quello che, in un primo momento, sembra un banalissimo giallo poliziesco: alcuni poliziotti, appena venuti a conoscenza di un omicidio consumatosi nelle vicinanze, notano un uomo che sta scappando e decidono di arrestarlo e di portarlo in commissariato per interrogarlo. L'uomo, privo di documenti di riconoscimento, non ricorda cosa ha fatto nelle ultime 24 ore e non ha alcuna intenzione di collaborare con le autorità. Sarà l'anziano commissario, interpretato magistralmente da Glauco Mauri, a dover far luce sull'omicidio, intraprendendo un acceso interrogatorio/scontro con il misterioso uomo (Roberto Sturno). La genialità di Tornatore emerge silenziosamente nel corso dell'opera attraverso colpi di scena che lasciano lo spettatore in uno stato di stupore e di confusione. Solo rimettendo insieme tutti i tasselli alla fine dello spettacolo si comprende che l'opera non è il classico giallo a cui siamo abituati, ma è una razionale e commovente visione della vita, alla quale Mauri e Sturno conferiscono, tramite la loro straordinaria performance, un'atmosfera più umana e realistica, permettendo al pubblico di immedesimerei nella vicenda.

Alessandro Di Nunzio Liceo Classico "Vittorio Emanuele II" Classe II A

Letto 715 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Febbraio 2016 09:39

Login Form