Lunedì, 18 Febbraio 2013 17:05

MISERIA E NOBILTA'

Scritto da Angela Nativio
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Miseria e Nobiltà", portato sul palcoscenico da Geppi Gleijeses con la collaborazione di Lello Arena e Marianella Bargilli è uno dei grandi classici del teatro italiano, ma anche uno spettacolo che non smette mai di divertire e di far ridere grandie piccoli. E' la dimostrazione che la passione rende ogni cosa migliore, che non c'è bisogno di una scenografia necessariamente appariscente, che la semplicità permette di apprezzare i dettagli e che certi temi sono sempre attuali e sempre lo saranno. La miseria, la finta nobiltà e il tentativo di sdrammatizzare la propria condizione, così come lo stereotipo della nobiltà, vestita in modo assurdo, abituata ad esprimersi in un modo che li rende spesso ridicoli, e sempre arroccati nella convinzione di essere migliori del resto della società. E' il ritratto della società del periodo in cui lo spettacolo è nato, ma anche della nostra società, naturalmente con i dovuti adattamenti.

Angela Nativio, 4° B, Liceo Scientifico G. Galilei

 

Letto 910 volte
Altro in questa categoria: « ROMEO E GIULIETTA ROMEO & GIULIETTA »

Login Form