Log in

“CHI HA PAURA MUORE OGNI GIORNO. I MIEI ANNI CON FALCONE E BORSELLINO”

UNO SQUARCIO SULLA STORIA

“Sono solo una persona come tutti gli altri”; queste sono le parole con le quali il giudice Ayala risponde alla domanda dei molti, che si chiedono se si senta un eroe.

Venerdì 20 Gennaio 2012 il giudice Ayala, con Francesca Ceci , ripercorre gli anni bui della vita italiana e del suo popolo. Nello spettacolo “Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino”, diviso in tre sezioni vengono evidenziati temi di grande importanza che sono passati alla storia e , nella storia resteranno, poiché hanno segnato una terra, un popolo ed il mondo.

Nella prima parte, dedicata a due uomini che hanno dato la vita per la verità, la giustizia e la propria patria, quali Falcone e Borsellino, Giuseppe Ayala rivive gli anni di collaborazione, non solo difficili e drammatici, ma anche entusiasmanti e ricchi di una forte amicizia con i due giudici, fino alla loro tragica scomparsa. Nella seconda sezione, il giudice racconta con grande attenzione per i dettagli, il maxi processo, del quale lui stesso fu pubblico ministero. Questo maxi processo che dura quasi 2 anni e termina il 16 Dicembre 1987 viene considerato la prima reazione dello Stato nei confronti di Cosa Nostra.

Infine nell’ultimo frammento Ayala affronta temi odierni come le tante indagini ancora aperte. Il giudice Ayala è da molti considerato un grande oratore e nei suoi racconti quest’aspetto emerge evidente, come pure evidente è il suo irrefrenabile desiderio di non far dimenticare ai giovani la nostra storia. Spettacolo che appassiona ed interessa, nonostante la difficoltà e la delicatezza dell’argomento.

Giada Costantini

Liceo Classico “V. Emanuele II”

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Log in or Sign up