Log in

se devi dire una bugia dilla ancora più grossa

Il sipario si apre con l’onorevole De Mitri (Antonio Catania), in una stanza dell’Hotel Palace, con la sua amante (Miriam Mesturino), portavoce del partito d’opposizione. Ma non tutto andrà come previsto, a causa di un cadavere giacente stella finestra della loro stanza (fotografo ingaggiato dal marito della portavoce). Il tutto è complicato dall’invadenza del proprietario dell’Hotel (Nini Salerno) e del facchino (Raffaele Pisu) e dall’improvvisa venuta del marito della portavoce, convinto che la moglie lo tradisca e della moglie dell’Onorevole, per fare una sorpresa al marito. Il ministro sarà aiutato dal suo portaborse, Mario Girini (Gianluca Ramazzotti) che riuscirà e risolvere tutta la situazione, proprio quando sta per scoppiare uno scandalo.

La commedia è di Ray Cooney, stesso autore di “Chat a due piazze” ed è stata rappresentata in tutto il mondo, ma con grande successo in Francia e Spagna e questo sta a dimostrare che tali problemi sono presenti in tutti i paesi. Inoltre tale commedia ha vinto il premio Laurence Olivier come miglior commedia a Londra, città natale dell’autore. Questa rappresentazione, la consiglierei a tutti, giovani e adulti, perché nonostante i temi toccati, non sfocia mai nel volgare e non risulta pesante, ma provoca solo tanto riso e divertimento, che potrebbe esser vista anche tutta d’un fiato.

Masciarelli Andrea Liceo Classico “V.E. II” IIIC

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Log in or Sign up