Giovedì, 17 Maggio 2018 18:40

Progetto Teatrando

Scritto da Cataldo Valeria Cimetta Arianna Impicciatore Lucia Veri Alessia
Vota questo articolo
(0 Voti)

Grazie al progetto Teatrando, abbiamo avuto la possibilità di partecipare gratuitamente a degli spettacoli di avvicinarci di più a quel mondo fantastico che è il teatro.
Il 10 novembre infatti il teatro fedele Fenaroli ha ospitato la rappresentazione " le serve " , con Anna Bonaiuto , Manuela Maldracchia e Vanessa Gravina a cui noi abbiamo assistito con grande piacere. In quest'opera tragi-comica, una delle più famose di Jean genet , serve e badanti hanno il desiderio di diventare padroni dei loro padroni . Le due protagoniste, ogni sera , approfittando dell’assenza della padrona di casa, mettono su una sorta di delirante recita privata in cui , a turno, interpretando il ruolo di "padrona" sfogano tutto il loro rancore. Alla fine però fantasia e realtà si contaminano, lasciando così l'amaro in bocca . Sicuramente una storia toccante che fa riflettere.

Il 1 dicembre ci siamo nuovamnete recati al teatro comunale fedele Fenaroli per partecipare alla visone dello spettacolo teatrale Bulling play . Il tema era ( come si può capire anche dal titolo ) il bullismo , presentato in chiave di commedia nera . Lo spettacolo raccontava dell'ipotetica morte di un ragazzo il quale per aver agito in modo sbagliato nei confronti del gruppo viene punito con l'istigazione al suicidio . Quello affrontato in tutta la commedia è un tema difficile ed estremamente acuminato che però viene raccontato con determinazione e sentimento dai singoli attori. Un elemento di particolare spicco è che la troupe di attori è interamente Abruzzese.
Il 5 Gennaio invece ci siamo recate al teatro Fenaroli di Lanciano per vedere ‘l’anatra all’arancia’, una commedia scritta negli anni settanta da William Douglas Home e riadattata da Luca Barbareschi, famoso attore, regista e produttore televisivo italiano.
La trama pur rimanendo verosimile, giocava su una sottile comicità magistralmente suscitata da Barbareschi, perciò nonostante la sua ‘normalità’ è riuscita a catturare noi spettatrici fino a permetterci di immedesimarci in quell’atmosfera agrodolce: Gilberto, il protagonista, dopo venticinque anni di matrimonio, scopre che la moglie ormai stufa del suo esasperante egoismo, aveva deciso di partire con il devoto amante abbandonando sia lui che i figli. Il risvegliato amore e una punta d’orgoglio lo spingono quindi a lottare per le sua famiglia in un irresistibile intreccio di battute sarcastiche e sketch comici che culmineranno con un inaspettato colpo di scena, la riscoperta da parte del trasandato marito dell’insostituibile valore dell’amore, l’unica forza capace di legare in modo davvero profondo e indistruttibile due persone cosi diverse.

Cataldo Valeria
Cimetta Arianna
Impicciatore Lucia
Veri Alessia

Letto 101 volte

Login Form