Log in

FLIC – Festival Lanciano in Contemporanea - 16 luglio al 12 settembre 2022

Il FLIC – Festival Lanciano in Contemporanea, festival multidisciplinare a prevalenza danza riconosciuto dal MiC – Ministero della Cultura e patrocinato dal Comune di Lanciano, per la sua VIII edizionedal 16 luglio al 12 settembre 2022, mira alla creazione di un prodotto culturale atto a rafforzare la vocazione della città di Lanciano ad essere crocevia di culture e di innovazione. Un festival di arte contemporanea nato con l’obiettivo di consolidare l’identità di questa città come luogo di effervescenza culturale e di apertura al nuovo, offrendo spazi concreti e prestigiosi agli artisti e parallelamente valorizzando il patrimonio culturale e artistico della regione, mantenendo nel contempo la sua anima solidale, inclusiva e votata ad un futuro sostenibile.

Due sono i luoghi simbolo lancianesi che ospiteranno il FLIC: il Polo Museale Santo Spirito, cuore e sede da otto anni del Festival, e il Teatro Comunale Fedele Fenaroli, gioello architettonico di metà 1800.

L’VIII edizione prevede 20 spettacoli di cui dieci di danza, cinque di teatro, quattro di musica e uno di circo contemporaneo.

La programmazione di Danza, sezione portante del FLIC, vedrà come protagonisti rilevanti compagnie e coreografi di fama nazionale ed internazionale appartenenti al mondo della danza contemporanea. Ad aprire le danza sarà proprio un’abruzzese d’adozione: Sara Pischedda che con ASMED Balletto di Sardegna e Luca Castellano porterà in scena due lavori d’autore dedicati uno al tema del ricordo e l’altro a come veniamo visti e considerati in quanto italiani da chi italiano non è. Gli appuntamenti proseguono poi con il coinvolgente duetto di Giovanni Careccia dedicato alle mille sfumature di una relazione e con uno studio del segno e del simbolo da parte della danzautrice Annalì Rainoldi. In “Nubìvago” l’Equilibrio Dinamico Dance Company porta in scena tre coreografie firmate da Roberta Ferrara, Matthias Kass e Clément Bugnon; un tripudio toccante di emozioni, empatia e danza in cui vengono evocati cosmi e poste domande. La storica Spellbound Contemporary Ballet presenta un trittico di lavori composti dai coreografi Marcos Morau e Mauro Astolfi che riflettono profondamente su tutto ciò che non potrà più essere, sulla necessità della riscoperta dei valori e sul bisogno di incontrare il dolore per trasmutarsi. Infine due sono gli appuntamenti con la Compagnia Lost Movement fondata dieci anni fa dal coreografo pugliese Nicolò Abbattista e dal dramaturg lancianese Christian Consalvo che affrontano da una parte il concetto di limite perseguito ossessivamente dall’essere umano con la pièce “Sehnsucht”, mentre dall’altra le dinamiche del gioco di ruolo e dell’alienazione con il lavoro “Game of Role”, primissimo spettacolo coprodotto dal FLIC.

Per la sezione Teatro arrivano lo spettacolo “Il Giardino” progetto di Sonia Barbadoro e Francesco Villano, “Ricordami” un percorso d’amore nella memoria perduta di Daniela Poggi, la divertentissima stand-up comedy  “I Dialoghi della Vagina” della compagnia Teatro al Femminile, il lavoro di teatrodanza di Christian Consalvo, realizzato appositamente per le mostre, un site-specific legato alle opere di in esposizione delle artiste Valentina Colella e Carla Trivellone, il workshop di Eva Martelli “Lettere alla Terra” che si concluderà con la restituzione in forma di lettura/spettacolo, un epistolario appassionato e intimo interpretato da partecipanti/autori frutto dalla riflessione sulla relazione dell’uomo con la Natura.

La Musica del FLIC 2022 è un viaggio attraverso stili e radici diverse. The Romanì Project farà danzare il pubblico con i ritmi tradizionali Rom grazie ad un gruppo di esuberanti musicisti guidati dal violinista Gennaro Spinelli. La cantautrice Momo ci porterà nel suo mondo nel quale parole e note si prendono per mano per camminare insieme, sospese a mezz’aria tra terra e stelle. Il concerto di Ady Thioune e Pino Petraccia “Suoni dal Baobab” propone un viaggio attraverso la cultura musicale dell’Africa Occidentale mentre le musiciste di Chimera Ensemble eseguiranno un repertorio che va dalla musica dei grandi autori classici alle intramontabili colonne sonore, ai classici della musica leggera.

Il Circo Contemporaneo è presente al FLIC con un progetto della compagnia OPLAS “Project Don Quijote” che trae ispirazione dall’opera omonima di Cervantes, considerata un punto di riferimento per la letteratura mondiale.

La sezione L’Altro Cinema del FLIC, curata dal regista Stefano Odoardi, propone quest’anno il film “Vincere” di Marco Bellocchio, la storia di uno scandalo segreto nella vita di Mussolini: una moglie e un figlio negati. Alla proiezione sarà presente Carlo Crivelli, autore della colonna sonora. Il secondo film in programma è “Casa della Pace” di Federico Maria Baldacci. Questo luogo è un piccolo centro per ritiri, isolato tra i monti degli Appennini, il centro ha ospitato moltissime persone venute per periodi di ritiro, per porsi domande sulla vita, per godere del silenzio e del tempo per pensare.

La sezione Libri ospita la presentazione di due interessanti volumi e di una fiaba. Il primo è “Tieniti Forte” di Felice Di Lernia, un viaggio al centro della famiglia, fatto di toni autobiografici colmi di intimità che generano vortici di interrogativi, guardandosi bene dal risolverli. “Cosa c’è dopo il mare” di Patrizia Fiocchetti racconta di tre destini, tre donne separate dai confini e dalla geopolitica internazionale, di età, culture diverse e dal mare. La fiaba di Antonella Scampoli “La Piccola Speranza” è la continuazione della precedente pubblicazione “Il Paese dalla Notte Nera” e racconta di una bimba straordinaria che parte da sola alla ricerca degli “altri”.

Tra le numerose collaborazioni del FLIC 2022 ci sono: FAI Delegazione di Lanciano, Associazione Dafne Onlus, CAL Comitato Artistico Lancianese e ArteMente – Centro di Alta Formazione per la Danza.

Log in or Sign up