Teatro Fenaroli Lanciano

Teatro Fenaroli Lanciano

Domenica, 03 Febbraio 2019 22:42

Togliamoci la maschera - FEDELI TRADIMENTI

DOMENICA 3 FEBBRAIO 2019 – ORE 16.00


Teatro Studio Vasto

FEDELI TRADIMENTI

libero adattamento da Il Tacchino di George Feydeau – Regia Rossella Gesini

Luciana, giovane moglie dell’avvocato Crepino, pur se costantemente corteggiata da Edmondo ed Ernesto, si vanta di essere una moglie fedele e non tradirà mai suo marito a meno che non scopra che lui la tradisce: solo in questo caso Luciana non ci penserebbe due volte a rendergli pan per focaccia. E infatti… il tradimento avviene all’interno dell’Hotel Ultimus, accompagnato da una girandola di situazioni divertenti e comiche che rendono lo spettacolo piacevole e spassoso.

 

Domenica, 27 Gennaio 2019 09:55

Teatro Dialettale - Mia Famiglia

domenica 27 gennaio 2019 ore 17.00

Compagnia Luna Nova, Napoli
Mia Famiglia
di Eduardo de Filippo

Commedia in tre atti di Eduardo De Filippo scritta nel 1955 e inserita dallo stesso autore nel gruppo di opere che egli ha chiamato Cantata dei giorni dispari (commedie di genere più drammatico e “negativo”). In questa commedia Eduardo affronta il tema della famiglia e lo fa in modo esplicito mettendo al centro dell’opera i complessi rapporti che legano i membri di una famiglia: madre, padre, un figlio e una figlia. Secondo Eduardo nessun componente della famiglia ha le carte in regola per essere considerato membro di una vera famiglia: ognuno ha una propria vita e i membri della famiglia vivono assieme perché si ritrovano nella stessa casa e non perché li unisca un vincolo di affetto familiare. L’opera affronta quel conflitto generazionale che cominciò ad emergere proprio negli anni 50 fino ad esplodere nelle rivolte del’68, conflitto che nella quotidianità causava costanti incomprensioni tra figli e genitori portando a piccole e grandi ribellioni. Il tema affrontato 60 anni fa da De Filippo ha un continuum che si percepisce nelle abitudini della famiglia contemporanea: una famiglia sempre più distante, separata da impegni extra casalinghi, distaccata da messaggi ed email e monopolizzata da smarthphone. Eduardo De Filippo lanciò anni fa molti campanelli d’allarme per capire la deriva della famiglia e purtroppo ancora oggi, a distanza di anni, si sente forte l’eco di quei campanelli.



biglietto per il singolo spettacolo: primo settore 12 euro, ridotto 10. Secondo settore 10 euro, ridotto 8 euro. Infine c’è anche la biglietteria online del circuito ‘Ciaotickets’.
Riduzioni per i possessori della fidelity card Le Vie del Commercio, soci dell'Università della Terza età, soci di compagnie teatrali amatoriali, soci della BCC, studenti e ragazzi fino a 13 anni, ultrasessantacinquenni


Prevendita biglietti dal 19 novembre presso:
MAIL EXPRESS POSTE PRIVATE 
Via Santo Spirito, 36/38, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872/717808


VENDITTI MUSICA 
Corso Trento e Trieste, 143, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 712983


TABACCHERIA BRUNO 
Via S.Spirito, 119 C.Comm.le La Fontana (Oas, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 716773


SANGRITANA VIAGGI & VACANZE 
Via Dalmazia, 9, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 708204


BITRAVEL 
Vicolo Ferro di Cavallo, 15, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 717454

Giovedì, 24 Gennaio 2019 12:18

Prosa - DON CHISCI@TTE

Giovedì 24 gennaio 2019 ore 21

“DON CHISCI@TTE”
di Nunzio Caponio, liberamente ispirato a “Don Chisciotte della Mancia” di Miguel de Cervantes
Arca Azzurra Teatro produzioni
Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi

adattamento e regia di Davide Iodice

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro 22, 23 e 24 gennaio (16.30/19.30) oppure su www.teatrofenaroli.it

Quante volte usiamo i panni di Don Chisciotte per sottolineare la lotta assurda, a volte grottesca, nei confronti di sfide verso nemici materiali ed immateriali che troviamo nella nostra società. Ebbene si tratta di una trasposizione teatrale di Cervantes ai giorni nostri, ironica e graffiante, in cui i mulini a vento vengono sostituiti da moderni mostri contro cui in qualche modo si deve sempre e comunque combattere. Un’analisi inedita dei nostri tempi che passa tra le quinte e il palcoscenico per arrivare in platea e che nel Teatro, luogo e arte, trova un mezzo di comunicazione sicuramente appropriato. Lo spettacolo scaturisce da una scrittura originale che a sua volta prende ispirazione dallo spirito dell’opera di Cervantes scagliando una volta di più la simbologia di questo ‘mito’ contro la nostra contemporaneità. Con vesti sgangheratamente complottiste e una spiritualità naif, accompagnato da un Sancio, un irresistibile Stefano Fresi, che è insieme figlio e disorientato adepto, il nostro Don, interpretato da uno straordinario Alessandro Benvenuti, intraprende un corpo a corpo disperante e “comico” contro un mondo sempre più virtuale, spinto a trovare l’origine del male nel sistema che lo detiene. «Se avessimo un pizzico del coraggio e del senso di giustizia del Don Chisciotte - sottolinea l’autore, Nunzio Caponio - forse, le nostre folli vite troverebbero finalmente un senso». Dall’improbabile rifugio in cui si è rintanato, lotta per mantenere intatto il suo pensiero critico coltivando ancora un’idea: l’IDEA. Unica finestra sull’esterno (o su altri interni) una teoria di schermi che s’affaccia su personaggi e mondi annodati, interferenze che spronano i nostri eroi all’Azione, ad una qualche azione. E se, nella giostra di pensieri che galoppano progressivamente verso l’inevitabile delirio, le menti malefiche dei giganti delle multinazionali sono il nemico contro cui scagliarsi, l’Amore è ancora il vento che soffia e muove, anche se Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire dolorosamente per un banale blackout.

 

 

Domenica, 20 Gennaio 2019 11:35

Togliamoci la maschera - TIERGARTENSTRASSE 4

DOMENICA 20 GENNAIO 2019 – ORE 16.00

Casa circondariale di Lanciano
Associazione Culturale Il Ponte / Teatro Studio Lanciano

TIERGARTENSTRASSE 4

di Pietro Floridia – Regia di Carmine Marino

Ambientata negli anni ’40 ad Amburgo, questa storia dolcissima e tragica racconta l’incontro tra George, un giovane disabile mentale che vive coltivando fiori nell’assoluta innocenza di un rapporto di verità col mondo e Gertrud, l’infermiera nazista mandata a verificare le condizioni di George con il compito di sottoporlo al programma T4, il cosiddetto ‘Olocausto minore’ che prevedeva l’eliminazione dei disabili come vite ‘indegne di essere vissute’. L’incontro si trasforma a poco a poco in un’amicizia profonda ed in un legame di cura e di tenerezza che unirà i destini dei due fino alla fine.

--------------------

TOGLIAMOCI LA MASCHERA

Abbonamento a 5 spettacoli € 40,00 in vendita fino al 10 gennaio 2019 presso PARTYMANIA – Via Monte Grappa 13 – Lanciano – tel. 087242364
Gli spettacoli avranno luogo presso la Casa Circondariale di Villa Stanazzo
Biglietti per lo spettacolo del 26 maggio (Teatro Fenaroli) € 10

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Considerato che l’iniziativa si svolge all’interno della Casa Circondariale di Lanciano e quindi occorre rispettare diverse norme per garantire l’ingresso in sicurezza, è opportuno prendere visione delle modalità di partecipazione qui riportate:

• Tutti gli spettacoli si terranno presso il Teatro “il Piccolo Fenaroli” all’interno della Casa Circondariale di Lanciano (località Villa Stanazzo) 
• Il pubblico sarà composto per metà dai detenuti dell’Istituto e per metà da “esterni”
• Gli “esterni” che intendono partecipare (saranno messi a disposizione n. 50 posti) lo possono fare sottoscrivendo un abbonamento per i cinque spettacoli in programma al costo di € 40,00. Per motivi organizzativi e di sicurezza, gli abbonamenti sono nominativi e non possono essere ceduti a terzi.
• Gli abbonamenti sono in vendita presso: PARTYMANIA – Via Monte Grappa 13 – 66034 LANCIANO (CH) – Tel. 0872.42364 fino al 10 gennaio 2019. Al momento dell’acquisto dell’abbonamento è necessario compilare apposito modulo con i dati necessari per autorizzare l’ingresso presso la Casa Circondariale. 
• Dall’abbonamento è escluso il solo spettacolo-evento del 26 maggio 2018 proposto dalla Compagnia Teatrale dell’Istituto Penitenziario che si terrà presso il Teatro Comunale Fenaroli.
• Gli spettacoli si terranno tutti di domenica pomeriggio alle ore 16.00. Gli spettatori abbonati sono tenuti a presentarsi all’ingresso della Casa Circondariale non più tardi di un quarto d’ora prima dell’inizio dello spettacolo, muniti di documento di riconoscimento in corso di validità.
• Tutto il ricavato dalla vendita degli abbonamenti sarà destinato alle attività trattamentali a carattere culturale che si svolgono all’interno della Casa Circondariale di Lanciano.

Fuori dai teatri ufficiali vive e cresce il teatro. 
Fuori dai teatri ufficiali, spesso "piazze di spaccio" dell'intrattenimento paratelevisivo, si fa cultura, incontro. 
Quest'anno a Lanciano grazie a Carmine Marino il teatro  entra in carcere, per i detenuti e per noi spettatori. 
#teatrostudiolanciano
#associazioneilponte

 
 
Mercoledì, 02 Gennaio 2019 16:41

Concerti di Capodanno

Mercoledì 2 Gennaio 2019, ore 18.00/21.00


Per l'anno 2019, in occasione dell’inizio della 48° edizione dell'Estate Musicale Frentana, l'Associazione "Amici della Musica" FEDELE FENAROLI, da il via al nuovo anno, con i 2 tradizionali concerti dell'Orchestra Sinfonica Internazionale Giovanile, che sarà preparata appositamente per la realizzazione dei concerti; quest’anno sarà diretta dal maestro abruzzese Paolo Angelucci, così come composta da tanti giovani allievi abruzzesi, proprio a sottolineare in questo momento difficile dell’associazione, l’appartenenza di tutto il movimento musicale del territorio all’attività formativa e didattica di questa istituzione, presente nel cuore dell’Abruzzo e della città di Lanciano, da quasi cinquant’anni. 

Botteghino aperto da un'ora prima degli spettacoli presso Il Teatro Fenaroli di Lanciano - Posto unico: 15 Euro
Prevendita presso Venditti S.A.S - Corso Trento e Trieste, 66034 Lanciano CH- Tel. 0872 712983

Martedì, 25 Dicembre 2018 16:27

Concerto Gospel - NATE BROWN & ONE VOICE

Martedì 25 Dicembre 2018, ore 21.00


NATE BROWN & ONE VOICE.
Nate Brown – Director- Lamont Shelton –Tenor - Salimu Terrell- Alto - Sabrina Wright- Alto - Lesley Neely- Alto - Michelle Renea- Soprano - Tyrae Brown- Pianist. Direttamente da Washington D.C., diretto da Nate Brown, torna a Lanciano (CH), il gruppo gospel “Nate Brown & One Voice”, 5 cantanti selezionati dalla corale di 25 elementi “Nate Brown & Wilderness”. “Nate Brown & Wilderness” è uno dei cori gospel più apprezzati e seguiti in America; vincitori di molti premi come primo posto nel 2008 Pathmark gospel choir Competition, primo posto sempre nel 2008: Kings Dominion Gospel Competition, il primo posto nel 2010 e nel 2013 nel Verizon How Sweet The Sound, Gospel Music Competition e primo posto al Kellogg's Gospel. Si esibiscono in Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Francia, Inghilterra. Nate Brown ha frequentato il Duke Ellington College of Music di Washington, e ha contribuito al successo della Duke Ellington Jazz Band, con la quale si è esibito in Inghilterra, Francia, Belgio e Canada. Ha frequentato il Berklee College of Music, si è esibito in festival prestigiosi come il Festival Jazz di Marciac in Francia, ha vinto premi e riconoscimenti e si è diplomato come primo sassofono nel 1998. Inoltre ha avuto l’onore di esibirsi con musicisti di livello internazionale come Wynton Marsalis, Roy Hargroove, Tony Terry, Tyron Powell, Ketter Betts e altri. E’ fondatore del gruppo gospel “Nate Brown & Wilderness”, con cui registra nel 2003 il primo cd “Tell the World”, grazie al quale il gruppo ottiene ottime recensioni su riviste e siti specializzati, riconoscimenti e l’opportunità di aprire importanti concerti, come Seven Sons of Soul. Nate si è occupato del Music Ministry nella chiesa Battista per cinque anni, periodo in cui ha dimostrato di essere anche un ottimo insegnante, portando il gruppo gospel di bambini alla vittoria del primo premio della Kellog’s Gospel Competition. Attualmente Nate ha la direzione musicale della First Baptist Missionary Church e fonda il Gentle Giant Music Minestries. Ecco cosa la critica dice di lui:
• “ What an Awesome Choir” New York Times, 2010 • “Refreshing and Excellent” Grammy Award Winning Richard Swallwood, HSTS 2010 • “Speechless” Grammy Award Winning Marvin Sapp, HSTS 2010 • “Talented Vocals, rhythm generators and even dancers” Duisberg fans Newspaper Germany, 2010 • The Arrangement of “Joshua fought the battle of Jericho” was simply brilliant-Donald Lawr

Botteghino aperto da un'ora prima dello spettacolo presso Il Teatro Fenaroli di Lanciano - Posto unico: 15 Euro
Prevendita presso Venditti S.A.S - Corso Trento e Trieste, 66034 Lanciano CH- Tel. 0872 712983

Mercoledì, 09 Gennaio 2019 17:55

Prosa - Uno, nessuno, centomila

Mercoledì 9 gennaio 2019 ore 21

UNO, NESSUNO, CENTOMILA

di Luigi Pirandello

ERGO SUM produzioni

con Enrico Lo Verso

Regia e adattamento di Alessandra Pizzi

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro dal 7 gennaio (16.30/19.30) oppure online

“Uno, nessuno e centomila” non è un’opera teatrale ma un romanzo di lunga elaborazione, di assidua stesura, che accompagna, o per meglio dire informa di sé, il resto della produzione pirandelliana. Uno spettacolo nato quasi per gioco da una proposta della regista Alessandra Pizzi ad un attore da anni lontano dal teatro Enrico Lo Verso. Da qui l’idea di una nuova e originale messa in scena, che possa ricercare nuovi specifici per lo spettacolo ma, soprattutto, sappia ridisegnare il rapporto, all’interno dello spazio scenico tra la parola ed il suono. Circa 300 repliche in due anni sempre con teatri gremiti hanno sancito la bontà della messa in scena. Da solo, sul palcoscenico, Lo Verso in un’ora intensa ed emozionante mette i panni di Vitangelo Moscarda e diventa uomo di oggi, di ieri, di domani. Ed il testo diventa critica di una società che oggi, come cento anni fa quando fu concepito, tende alla partecipazione di massa a svantaggio della specificità dell’individuo. Ma la sua è una critica volta ad un finale positivo, la scoperta per ognuno di essere se stessi, dentro la propria bellezza. L’interpretazione non manca di ironia e sagacia, ricca com’è di inflessioni e note di colore tipiche siciliane, tanto care all’autore del testo, al personaggio e all’attore che lo interpreta. Una messa in scena mutevole in ogni contesto, nel rapporto empatico con il luogo e con chi ascolta e che da forma ad un personaggio, che è uno, nessuno, centomila, tutti per la prima volta affidati al racconto di una voce e di un grande attore che ci accompagna a scoprire le maschere della nostra esistenza.

Venerdì, 11 Gennaio 2019 17:25

Si chiamava Faber

Venerdì 11 gennaio 2019 ore 21.00

SI CHIAMAVA FABER

(Viaggi molto personali nel mondo di Fabrizio De Andrè)
di Federico Sirianni
con Federico Sirianni, Max Manfredi, Tati Valle, Paola Ceroli, Marcello Marciani, Stefano Barbati, Marco Di Blasio, Nicola Di Camillo ...e altri ospiti
Ingresso € 10

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro dal 7 gennaio (16.30/19.30) oppure online

Lo spettacolo nasce dall'esigenza di riproporre alcuni temi trattati nelle canzoni di Fabrizio De Andrè a 20 anni dalla sua scomparsa. Un tributo, quindi, che non vuole essere retorico e banale, ma che abbracci le diverse sfaccettature del personaggio De Andrè, nel rispetto della sua poliedricità culturale.

Per rendere al meglio questo importante aspetto, si è costruito un cast di musicisti, poeti e attori di diverso stile che restituiranno una visione personale del messaggio del cantautore genovese interpretando secondo le proprie sensibilità testi e musiche della sua ampia produzione.

Si è scelto, come filo conduttore, l’esperienza personale del cantautore Federico Sirianni il quale ha avuto modo di conoscere e condividere alcuni momenti della sua vita con De Andrè che descrive attraverso un racconto agile e poetico. Questa traccia narrativa sarà ampliata ed arricchita con le originali interpretazioni di artisti di diversa estrazione.

Quindi le canzoni, non necessariamente le più famose, ma quelle che riescono forse a esprimere, oltre che l’ormai noto talento, anche la gigantesca umanità di cui era pervaso questo artista unico e irraggiungibile.

Si toccheranno quindi molti temi legati all’opera artistica di Faber come la pietà per gli “ultimi”, l’anarchia, la cultura mediterranea, il Sacro.

Ad animare la serata ci saranno:

Federico Sirianni (cantautore)

Max Manfredi (cantautore)

Paola Ceroli (cantante folk blues)

Tati Valle (cantante e chitarrista brasiliana)

Marcello Marciani (poeta)

Walter Gaeta (pianoforte)

Stefano Barbati (chitarre e bouzouki)

Marco Di Blasio (fisarmonica e toy piano)

Nicola Di Camillo (contrabbasso)

Grazie alla collaborazione con il Centro Antiviolenza “Dafne” di Lanciano, sarà allestita, nei locali del Centro non lontano dal Teatro Fenaroli, la mostra fotografica “Le Donne di Faber” curata da Cristian Pellicciotta in cui vengono rappresentate le figure femminili della produzione deandreana. Le donne che incontriamo nei testi sono mamme, sono figlie, sono anziane o giovanissime, sono in carriera o vittime degli eventi e degli uomini, ma tutte con un carico umano straordinario e  caratterizzate da infinita bellezza.

Lunedì, 10 Dicembre 2018 20:21

Rassegna Togliamoci la Maschera

La rassegna Togliamoci la Maschera, curata da Carmine Marino proporrà il “Teatro in Carcere” per liberare la cultura e la solidarietà” con quattro appuntamenti nel “Piccolo Fenaroli” all’interno della Casa Circondariale di Villa Stanazzo, e per concludersi con uno spettacolo con la partecipazione di alcuni detenuti sul palcoscenico di Via del Frentani. Un’esperienza che si inserisce fra le tante iniziative di collaborazione fra Comune e Casa circondariale per il percorso di reinserimento e formazione di coloro che vivono la triste esperienza della detenzione.

Domenica, 20. Gennaio 2019 16:00
TIERGARTENSTRASSE 4

Domenica, 3. Febbraio 2019 16:00
FEDELI TRADIMENTI

Domenica, 10. Marzo 2019 16:00
COSI’ È SE VI PARE

Domenica, 31. Marzo 2019 16:00
LASCIO ALLE MIE DONNE

Domenica, 14. Aprile 2019 16:00
PARLAMI D’AMORE

Domenica, 26. Maggio 2019 16:00 (Teatro Fenaroli)
L’AVARO

 

TOGLIAMOCI LA MASCHERA

Abbonamento a 5 spettacoli € 40,00 in vendita fino al 10 gennaio 2019 presso PARTYMANIA – Via Monte Grappa 13 – Lanciano – tel. 087242364
Gli spettacoli avranno luogo presso la Casa Circondariale di Villa Stanazzo
Biglietti per lo spettacolo del 26 maggio (Teatro Fenaroli) € 10

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

Considerato che l’iniziativa si svolge all’interno della Casa Circondariale di Lanciano e quindi occorre rispettare diverse norme per garantire l’ingresso in sicurezza, è opportuno prendere visione delle modalità di partecipazione qui riportate:

• Tutti gli spettacoli si terranno presso il Teatro “il Piccolo Fenaroli” all’interno della Casa Circondariale di Lanciano (località Villa Stanazzo)
• Il pubblico sarà composto per metà dai detenuti dell’Istituto e per metà da “esterni”
• Gli “esterni” che intendono partecipare (saranno messi a disposizione n. 50 posti) lo possono fare sottoscrivendo un abbonamento per i cinque spettacoli in programma al costo di € 40,00. Per motivi organizzativi e di sicurezza, gli abbonamenti sono nominativi e non possono essere ceduti a terzi.
• Gli abbonamenti sono in vendita presso: PARTYMANIA – Via Monte Grappa 13 – 66034 LANCIANO (CH) – Tel. 0872.42364 fino al 10 gennaio 2019. Al momento dell’acquisto dell’abbonamento è necessario compilare apposito modulo con i dati necessari per autorizzare l’ingresso presso la Casa Circondariale.
• Dall’abbonamento è escluso il solo spettacolo-evento del 26 maggio 2018 proposto dalla Compagnia Teatrale dell’Istituto Penitenziario che si terrà presso il Teatro Comunale Fenaroli.
• Gli spettacoli si terranno tutti di domenica pomeriggio alle ore 16.00. Gli spettatori abbonati sono tenuti a presentarsi all’ingresso della Casa Circondariale non più tardi di un quarto d’ora prima dell’inizio dello spettacolo, muniti di documento di riconoscimento in corso di validità.
• Tutto il ricavato dalla vendita degli abbonamenti sarà destinato alle attività trattamentali a carattere culturale che si svolgono all’interno della Casa Circondariale di Lanciano.

Fuori dai teatri ufficiali vive e cresce il teatro.
Fuori dai teatri ufficiali, spesso "piazze di spaccio" dell'intrattenimento paratelevisivo, si fa cultura, incontro.
Quest'anno a Lanciano grazie a Carmine Marino il teatro  entra in carcere, per i detenuti e per noi spettatori.
#teatrostudiolanciano
#associazioneilponte

Domenica, 13 Gennaio 2019 09:53

Dialettale - U battezz di Toruccio

domenica 13 gennaio 2019 ore 17.00

Compagnia Amici dell'Arte, Lucera (FG)

U BATTEZZ DI TORUCCIO
di Germano Benincaso

Il testo scritto dall’autore lucerino tratta un argomento molto attuale e molto dibattuto: la fecondazione artificiale.

Tomasino, il protagonista della commedia, è combattuto tra il desiderio di avere un figlio e l’impossibilità di poterne generare.

Vincendo l’opposizione dalla madre (Mafalda), donna legata alle tradizioni e contraria ai moderni sistemi di procreazione, Tomasino si lascia convincere dalla moglie (Jennifer) a rivolgersi ad una clinica specializzata nella medicina della riproduzione e, facendo ricorso ad un donatore anonimo, i due coniugi riescono a concepire e a far nascere il figlio tanto desiderato: “Salvatore”, detto “Toruccio”.

La vicenda prende inizio il giorno del battesimo di “Toruccio”, nel corso della cerimonia verifica uno spiacevole imprevisto con numerosi colpi di scena che si susseguono durante le due ore di spettacolo.

Il finale a sorpresa lascia lo spettatore con il fiato sospeso fino alla chiusura del sipario.

Nonostante l’argomento molto serio, non mancano anche in questa opera le battute e le risate che fanno parte del repertorio degli Amici dell’Arte, ma – come è giusto che sia – il testo propone allo spettatore uno spunto di riflessione su questo tema per il quale non si è ancora trovata una adeguata e condivisa normativa.

Il lavoro, ricco di numerosi colpi di scena, vede impegnati 11 attori: Arturo Monaco, Marcella Cogato, Lina Carratù, Lello Spagnuolo, Maria Strazioso, Domenico Tutolo, Ida Salvatore, Luigi Granieri, Antonio Cuppone, Michele Ieluzzi e Luigi Follieri, oltre al soprano Annarita Di Giovine Ardito che, accompagnata al pianoforte dal maestro Giuseppe Marzano,esegue dal vivo un brano di grande suggestione e grande coinvolgimento emotivo.

La regia dello spettacolo è stata curata da Germano Benincaso, Tecnici Paolo Monaco e Gianni Maglia, Sarta di scena Anna Dotoli, Assistente alla Regia Maurizio Pompi, Introduzione di Dino Russo.

biglietto per il singolo spettacolo: primo settore 12 euro, ridotto 10. Secondo settore 10 euro, ridotto 8 euro. Infine c’è anche la biglietteria online del circuito ‘Ciaotickets’.
Riduzioni per i possessori della fidelity card Le Vie del Commercio, soci dell'Università della Terza età, soci di compagnie teatrali amatoriali, soci della BCC, studenti e ragazzi fino a 13 anni, ultrasessantacinquenni

Prevendita biglietti:
MAIL EXPRESS POSTE PRIVATE
Via Santo Spirito, 36/38, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872/717808

VENDITTI MUSICA
Corso Trento e Trieste, 143, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 712983

TABACCHERIA BRUNO
Via S.Spirito, 119 C.Comm.le La Fontana (Oasi, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 716773

SANGRITANA VIAGGI & VACANZE
Via Dalmazia, 9, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 708204

BITRAVEL
Vicolo Ferro di Cavallo, 15, 66034, Lanciano (CH)
66034 Lanciano (CH) +39 0872 717454

Online su https://www.ciaotickets.com/location/teatro-fenaroli-lanciano-ch

 

Pagina 1 di 44

Login Form