Teatro Comunale Fedele Fenaroli, Lanciano

Le opere di restauro degli anni '90

Vota questo articolo
(0 Voti)

Considerazioni in ordine al restauro ed ampliamento del Teatro Fedele Fenaroli in Lanciano
di Luigi Caliterna e Domenico Nativio - tratto dal libretto pubblicato a cura del Comune di Lanciano in occasione della riapertura del Teatro

Chiamato dopo numerose esperienze restaurative su teatri italiani, presi contatto con la citta' di Lanciano con molto entusiasmo. Non potevo immaginare in un primo momento la straordinaria vocazione teatrale della citta' che risale a tempi lontani e che ha dato i natali a musicisti di grande valore e prestigio.

Studiandone la storia appresi che assai prima del 1700 esisteva gia' una scuola musicale molto attiva i cui esponenti maggiori furono Aurelio De Faya, Camillo ed Orazio Sabino e, piu' tardi, Francesco Antonio Fenaroli padre di Fedele.

A seguito di un'attivita' musicale di cosi' grande rilievo nacque la necessita' della realizzazione di un Teatro Comunale al servizio della citta'. Nel gennaio del 1815 il Sindaco Concezio Rossi ne individuo' il sito nell'ex Convento dei Padri Conventuali (San Francesco).

Fu proposto anche un progettista nella persona dell'Ing. Eugenio Michitelli che a sua volta propose di utilizzare il chiostro del Convento dove aveva sede la Casa Comunale.

Dovevano pero' passare ancora svariati anni affinche' il Sindaco Michele Di Giorgio potesse prendere definitivamente in mano la situazione portandola alla fase esecutiva. Se ne commise il disegno all'Ing. Taddeo Salvini il quale reputo' piu' adatto l'edificio dove sorgeva l'ex Collegio delle scuole Pie. Egli presento' ben quattro progetti.

Per passare subito all'esecuzione il Decurionato delibero' di chiedere subito l'approvazione all'Autorita' tutoria e la dispensa dalle consuete revisioni dei disegni "per essere stati eseguiti dall'uomo dell'arte ben conosciuto per il suo ingegno e per avere dato riprove nelle costruzioni dei teatri di Foggia, Vasto, Chieti, Penne ed attualmente incaricato per la costruzione del Teatro di Taranto".

Nel 1840 avvicinandosi il momento dell'inaugurazione il Decurionato, sull'esempio dei Napoletani, che avevano dedicato due dei loro teatri ai Re Carlo e Ferdinando, delibero' di manifestare il profondo attaccamento che la citta' di Lanciano aveva sempre avuto per la Dinastia intitolando il teatro alla Regina Maria Cristina.

Il cronista lancianese Carmine De Giorgio riferisce che il Teatro con 44 palchi divisi in tre ordini, il loggione e la platea di oltre cento posti, fu inaugurato nel carnevale del 1841 con l'opera buffa "La dama e lo zoccolaio" espressamente musicata da Francesco Fioravanti. Peraltro la notizia e' rettificata, o perlomeno riportata nei suoi giusti termini, dal Sindaco dell'epoca Carlo Tommasini, il quale nella seduta decurionale del 1° marzo 1841, propose e fece deliberare lo stanziamento di altri fondi per il Teatro che, "provvisoriamente posto in attivita'", mancava ancora delle decorazioni interne e del completamento della prospettiva. Per tali motivi nel 1843 Lanciano teneva ancora a stipendio con 40 ducati al mese, l'Arch. Salvini che, oltre ad essere stato il disegnatore e progettista, diresse anche i lavori di costruzione.

Infine, nel febbraio del 1845 troviamo una deliberazione per il pagamento di 1422 ducati a Leopoldo Galluzzi, scenografo del teatro San Carlo di Napoli, il quale entro il mese di maggio di quell'anno avrebbe dovuto ultimare i lavori di dipinture scenografiche, di coloriture dei palchi, indorature ed altri ornamenti.

Quindi la data della solenne inaugurazione deve essere considerata quella del 22 aprile 1847 con l'intervento del Re Ferdinando II, della Regina e del rispettivo seguito "essendo il teatro a bella posta parato a festa con sestuplicata illuminazione a cerati".

Con la caduta dei Borboni il teatro fu intitolato a Fedele Fenaroli.

Dopo la guerra 1915/18 l'incremento demografico ed il costo delle compagnie resero insufficienti i vecchi edifici ed antieconomica la gestione dei Teatri. D'altra parte il cinema, chiamato la decima musa, con l'offrire spettacoli continuati ed a buon mercato, distolse il pubblico dalle rappresentazioni interpretate da attori.

In questo periodo si assiste alla chiusura di molti Teatri ed alla loro trasformazione in sale di proiezione cinematografica ed alla conseguente spasmodica ricerca di una maggiore capienza.

Non sfugge a questa condizione nemmeno il Teatro Fenaroli che nel 1933, tale e' la data del progetto ritrovato, realizza l'abbattimento degli ultimi due ordini di palchi con la conseguente costruzione di una grande balconata a gradoni che ne snatura completamente l'architettura.

Anche il controsoffitto decorato viene demolito per far posto ad uno nuovo di foggia diversa che, malamente raccordato, tenta di coprire il nuovo anomalo svilupparsi della sala.

In epoca successiva, non paghi di tali prodezze, viene anche abbassato il livello della platea nell'intento di ricavare alcuni posti, lateralmente, sotto il primo ordine di palchi.

In questa situazione si giunge fino al giorni nostri. Un organismo disarticolato, non rispondente alle piu' elementari normative funzionali e di sicurezza, ma soprattutto deteriorato nelle strutture, fatiscente e pericoloso. Tanto da decretarne la inagibilita'.

Il progetto di ripristino del teatro Fenaroli non e' solo una pura operazione di restauro di un edificio architettonico di valore, bensi' un intervento di recupero di un elemento fondamentale nella struttura storico-culturale della Citta' di Lanciano.

Un'altra importante motivazione scaturisce dalla realta' regionale alla quale appartiene Lanciano dove, nel tessuto urbano, sono presenti i caratteri di una autentica vocazione culturale del Teatro ed alla quale appartiene di diritto la Citta' di Lanciano la quale e' gia' da tempo titolare di manifestazioni culturali di interesse nazionale.

La destinazione a cinematografo che gli fu imposta durante gli anni '30, non solo ha fatto perdere al Teatro il suo originale carattere ma ha modificato in modo violento l'aspetto architettonico interno con un radicale sventramento.

Questo intervento che eliminava l'espressione culturale del teatro nella Citta' allo stesso tempo la privava di un elemento architettonico caratteristico, in quanto per fare posto alle esigenze di ampliamento, che esigeva l'uso a cinematografo, venivano demoliti gli ultimi due ordini di palchi cosi' come il soffitto con le decorazioni originali.

Il danno sarebbe stato irrecuperabile se non fosse per i documenti che si sono ritrovati che testimoniano l'aspetto originale del Teatro prima di essere sventrato. Il progetto di restauro si basa per quanto possibile su questa documentazione. Con tali elementi e' stata possibile una esatta ricomposizione senza arbitrarie ricostruzioni che non sarebbero ammesse comunque in un corretto intervento di restauro.

Si sono potute ritrovare fotografie degli esterni che mostrano chiaramente la genesi dell'attuale facciata principale. A questo proposito pare interessante rilevare che, mentre all'interno il Teatro aveva in origine un suo aspetto definito e compiuto, all'esterno la facciata sembrava carente e mancante di una definizione architettonica completa.

Sorge quindi spontanea l'osservazione che l'intervento del '33 abbia deturpato internamente la sala cambiandone la fisionomia e l'architettura, ma che al contrario, sia risultato positivo per quanto riguarda il completamento del fronte principale esterno.

Su quali elementi si sia basato tale completamento non e' dato saperlo; non si comprende in assoluto se trattasi di opera dello stesso Ingegnere progettista ovvero della realizzazione di un progetto originale rimasto incompiuto.

Per quanto riguarda l'interno e' stato possibile ritrovare una fotografia della sala, anteriore all'abbassamento della platea e creazione della gradinata, che mostra chiaramente l'assetto del Fenaroli su quattro ordini di palchi, dei quali l'ultimo costituisce il loggione, ed il soffitto di copertura originale decorata pittoricamente con motivi peraltro non bene decifrabili. La foto mostra inoltre chiaramente che i primi tre ordini di palchi erano contenuti nell'altezza delle lesene di proscenio mentre il 4° ordine a quota superiore, era sempre in grado di consentire una discreta visibilita' laterale perche' la quota risultava piu' bassa dell'arco scenico.

Ultimati i lavori di ampliamento e restauro, lavori che costituiscono una vera ristrutturazione di tutto il complesso, il Teatro Fenaroli si presenta oggi come un organismo completo in grado di rispondere a tutte le esigenze che si presentano per l'attivita' di strutture di tal genere e mole.

Nei lunghi anni impegnati per la realizzazione si sono eseguiti ben tre lotti di lavori che hanno portato alla attuale situazione. I tempi trascorsi si sono resi necessari per reperire i finanziamenti occorrenti che non sempre sono stati tempestivamente concessi. Cio' ha determinato l'accennata suddivisione in lotti ed anche considerevoli tempi morti tra un lotto e l'altro.

Peraltro come primo risultato dell'operazione si ebbe nel 1989 la utilizzazione dei piccolo teatro "ex Cinema Mazzini" che e' entrato in funzione a pieno ritmo a testimonianza della necessita' di attrezzature di tale tipo per la citta' di Lanciano.

E' stato ricomposto l'originale assetto architettonico della sala con i suoi quattro ordini di palchi e la sua cupola di copertura. Naturalmente si e' proceduto all'abbattimento della impropria e deturpante gradinata realizzata al momento della trasformazione in sala cinematografica. Sono stati pero' utilizzati gli spazi tergali soprastanti l'atrio di accesso destinandoli a due sovrapposti foyer. Cio' ha consentito di lasciare inalterato il fronte esterno sulla via dei Frentani ormai architettonicamente, concluso e consolidato.

La fatiscente copertura in legno e' stata interamente sostituita con altra costituita da capriate di acciaio. Con gli stessi materiali e' stato eseguito l'ampliamento del palcoscenico ottenendo cosi' gli spazi necessari per realizzare ben otto camerini per gli artisti, n. 4 cameroni per gli artisti del coro e per le comparse. A piano sottopalcoscenico sono stati invece ricavati in posizione sottostante ai camerini due ambienti di notevoli dimensioni destinati a spogliatoio per i professori d'orchestra.

Nella zona sottostante al perimetro della sala esistevano anticamente alcuni grandi ambienti da molti anni dismessi ed adibiti a magazzini comunali. Questi locali coperti da belle volte in mattoni erano peraltro di difficile utilizzazione perche', all'epoca della costruzione del teatro, per sostenere le murature curvilinee che delimitavano la sala, i palchi ed i corridoi dei medesimi erano stati eretti tre grossi pilastri in muratura delle dimensioni di circa mt. 4.00x3.00. Naturalmente queste strutture annullavano completamente la funzionalita' degli ambienti per il loro ingombro e per l'impatto estetico.

Si e' proceduto al recupero dei locali eliminando tutte le strutture murarie a sostegno della sala del teatro, sostituendole con una delicata ed ardita struttura in acciaio che sostiene tutti i carichi delle murature e delle persone riportando gli sforzi sui muri portanti perimetrali.

L'intervento articolato e complesso, e' stato premiato dal recupero dei bellissimi ambienti che sono stati pensati per accogliere i servizi del complesso teatrale lancianese. Intendendosi con tale dizione l'insieme composto dal piccolo teatro ex Cinema Mazzini, dal teatro F. Fenaroli e, in certi casi, dal contiguo Ponte di Diocleziano.

L'asse di collegamento per queste fruizioni e' costituito dalla via della Torre completamente coperta, ora esclusa dal traffico veicolare, recentemente pavimentata con pregiato materiale lapideo policromo. Addirittura si potrebbe ipotizzare l'utilizzazione dei grandi locali bar ed altri adiacenti quale centro di ritrovo con regolare esercizio funzionante tutti i giorni, indipendentemente dall'attivita' teatrale. Potrebbe quindi costituirsi per la citta'' di Lanciano un polo di attrazione per tutti coloro che, amanti della musica e dello spettacolo, desiderano ritrovarsi in qualsiasi ora della giornata. In altre parole un vero centro teatrale del quale poche citta' possono disporre.

Particolare cura si e' avuta nell'affrontare i problemi della sicurezza considerando anche le ultime disposizioni emanate durante il corso dei lavori con il Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 n. 149. Con tale Decreto vengono infatti stabilite rigide norme per garantire la sicurezza del pubblico e dei lavoratori nei locali di pubblico spettacolo.

E' stato quindi organizzato un sistema di uscite di sicurezza che fa parte di un preciso sistema di sfollamento accuratamente studiato ed e' stata realizzata ex novo una struttura esterna per contenere una scala di sicurezza collegata direttamente verso l'esterno che garantisca un rapido sfollamento degli spettatori che provengono dai palchi e anche da altri ordini di posti. Anche in questo senso si ritiene di avere ottenuto il massimo risultato pur trattandosi di un edificio esistente che, purtroppo, per uno dei suoi lati e' addossato e confina con il Palazzo Comunale. Comunque tutti i materiali usati sono dei tipo regolamentare conforme alle ultime norme antincendio.

Il complesso teatrale e' anche fruibile dai portatori di handicap, poiche' si e' studiata la possibilita' di raggiungere, secondo le prescrizioni della Legge 13/89 la maggior parte dei posti. Sono infatti facilmente raggiungibili l'atrio di ingresso, il foyer del quarto ordine, il bar, la platea ed il secondo ed il quarto ordine dei palchi. Difficolta' tecniche dovute alla limitata altezza dei piani delle balconate impediscono all'elevatore le fermate al primo e terzo ordine.

Il palco centrale del secondo e quarto ordine e' dotato di apparecchiatura telefonica per cui un eventuale spettatore portatore di handicap potra' comunicare sia con l'impianto interno del teatro che con l'esterno. Sono stati inoltre predisposti n. 4 servizi igienici regolamentari con idonee apparecchiature per uso esclusivo di spettatori disabili.

Dopo aver completato la ricostruzione del terzo e quarto ordine dei palchi si e' proceduto ad un'attenta ricostruzione delle decorazioni a stucco che adornavano i parapetti. I motivi ornamentali, fortunatamente, sono stati chiaramente individuati e riprodotti esattamente, tra quelli che ancora esistevano al primo e secondo ordine e sulle barcacce di proscenio. Ne e' risultato un complesso armonioso che ripropone con assoluta certezza l'aspetto originale del teatro.

Le decorazioni del primo e secondo ordine, delle barcacce e dell'arco scenico che sono invece del tutto originali sono state sottoposte ad un'attenta e minuziosa opera di restauro preceduta da una meticolosa operazione di pulitura che ha messo in luce le varie stratificazioni del colore, delle dorature e la finezza del modellato. La stessa cura si e' avuta nel trattare gli elementi lignei che costituiscono i divisori tra i palchi restaurando i motivi decorativi e scultorei in gesso, ed anche i piccoli cartigli contenenti una deliziosa testina posta al centro dell'architrave di ciascun palco.

Questa opera puntuale e minuziosa ha consentito il recupero totale delle fasce costituite dai parapetti dei palchi del primo e secondo ordine e dalle barcacce che conservano quindi, come gia' detto, oltre le originali decorazioni, gli stucchi e le cromie autentiche.

Per quanto riguarda invece il terzo e quarto ordine dei palchi ricostruiti, il cornicione di coronamento della sala e la cupola di copertura si e' volutamente differenziata la coloritura per evidenziare la nuova esecuzione e documentare cio' che di nuovo e' stato realizzato senza ricorrere a ingiustificate mimetizzazioni.

Particolare cura si' e' avuta nel restauro dell'arco scenico finemente decorato che appariva ben conservato dopo la prima operazione di pulitura.

Tutte le dorature sono state eseguite con oro zecchino in foglia e non con porporina stesa a pennello, destinata nel tempo ad annerire, come purtroppo era avvenuto nelle trasformazioni degli anni '30.

Si e' provveduto alla illuminazione, della sala mediante appliques collocati nelle posizioni originali rilevate in una vecchia fotografia. Anche la forma dei corpi illuminanti, appositamente disegnati, riprende le linee fondamentali con il cartoccio "appeso" come compariva nella stessa fotografia. Questi applique, che in numero di 36 dispongono di un doppio braccio, sono sufficienti all'illuminazione della sala. Potranno essere in seguito integrati da un grande lampadario centrale che dovra' essere eseguito con gli stessi criteri, forme e materiali composti in modo da ottenere la necessaria grandezza ed importanza. Per il lampadario previsto, ma non realizzato per carenza di fondi, sono gia' predisposti l'argano di sospensione e sollevamento e le linee elettriche di alimentazione.

Gli stessi corpi illuminanti, composti in maniera diversa, sono stati utilizzati per l'atrio di ingresso, locale biglietteria, primo e secondo foyer, bar e parte terminale della nuova scala di sicurezza.

La sala e' stata accuratamente arredata utilizzando speciali velluti con regolare classificazione ignifuga allo scopo di evitare, in caso di incendio, produzione di fiamme e vapori venefici. Con gli stessi materiali sono stati confezionati il sipario, il panno di boccascena, l'arlecchino e tutti i componenti che inquadrano la scena. Lo stesso dicasi per il rivestimento delle poltrone, le buonegrazie dei palchi e, in una parola, tutto cio' che costituisce materiale tessile decorativo e funzionale. La tonalita' rossa e' stata prescelta facendo parte delle cromie originali del teatro ed il risultato mi sembra apprezzabile.

Anche la parte del teatro che il pubblico non vede, e' stata particolarmente curata allo scopo di rendere il teatro ben funzionante ed adatto a qualsiasi tipo di allestimento scenico moderno. Si puo' quindi pensare all'esecuzione di spettacoli di qualsiasi genere ed importanza compatibile con la mole del teatro.

Il palcoscenico di discrete dimensioni e' stato prolungato sul retro ottenendo una buona profondita' che consente realizzazioni sceniche importanti.

Il piano palcoscenico e' completamente suddiviso in botole amovibili delle dimensioni di circa ml. 1.20x1.20. La estrazione di tali botole consente la creazione di "trabocchetti" per la sparizione di personaggi od oggetti. L'accoppiamento di piu' estrazioni consente l'abbassamento di intere parti di scena utile per l'ottenimento di effetti speciali. L'estrazione di un'intera striscia di botole nel senso parallelo al boccascena puo' anche consentire l'effetto di una sparizione graduale di un oggetto o di' un gruppo di persone.

Il graticciato di manovra e' stato realizzato con correnti in legname ignifugato sui quali i macchinisti teatrali sono usi costruire di volta in volta le apparecchiature sceniche secondo la tradizione. A corredo del graticciato due ballatoi di manovra permettono l'utilizzazione di tutti i tagli (in numero di trenta) disponibili per appendere scenari dipinti.

Sono stati montati n. 3 tiri motorizzati in aiuto ai tiri manuali, nella speranza di poterli aumentare nel tempo, poiche' il costo e' contenuto e la installazione e' semplice.

L'illuminazione dall'alto avviene mediante tre ponti luce mobili che possono essere equipaggiati con numerosi proiettori e riflettori nei quattro colori necessari per tutte le esigenze di scena.

Altri proiettori possono essere collocati in posizioni diverse ed anche e' predisposto un piazzamento direttamente in sala per illuminare zone del palcoscenico con luce frontale.

Il parco lampade e' composto da numerosi proiettori da 500, 1000 e 2000 watt per un numero complessivo di 100 pezzi. Questo equipaggiamento, senz'altro superiore alla media, consente ottime possibilita' di effetti luminosi, diffusioni, proiezioni, e quant'altro necessario. L'impianto di regolazione delle luci dispone di n. 72 circuiti che raddoppiano all'uscita delle cassette di spinamento. Ogni circuito consente un carico di 2000 watt. A titolo esemplificativo si puo' quindi affermare che l'impianto luce massimo potrebbe assommare a ben 140 riflettori da 1000 watt!

Esiste anche la possibilita' di inserire nel quadro di alimentazione, delle cassette di spinamento i regolatori delle luci che utilizzano le compagnie di giro che possono operare portando i loro allestimenti nel Teatro Fenaroli.

E' stato inoltre realizzato un impianto di diffusione sonora che consente di trasmettere avvisi e segnali in tutto il teatro e nei locali destinati alla sosta del pubblico. Tale impianto durante lo svolgimento dello spettacolo consente l'audizione in tutti i camerini, cameroni e luoghi di lavoro ove sostano gli attori, il coro e le comparse. Tale possibilita' di seguire lo svolgimento dello spettacolo si e' dimostrata particolarmente utile poiche' i partecipanti possono prepararsi per l'entrata in scena al momento giusto senza ingombrare il palcoscenico e creare quindi disturbo agli addetti di scena, elettricisti ecc.

Il teatro e' naturalmente dotato di un completo impianto di climatizzazione estiva ed invernale particolarmente studiato per garantire un sufficiente numero di ricambi d'aria opportunamente filtrata e depurata. Inoltre un capace impianto per lo spegnimento degli incendi assicura l'utilizzazione di un congruo numero di idranti e di estintori.

E' certo che i lavori di ristrutturazione e restauro del Teatro Fenaroli offrono ora ampie possibilita' per l'esecuzione di qualsiasi tipo di spettacolo, certamente non inferiori ai locali della stessa grandezza esistenti oggi in Italia. Nel caso specifico si puo' affermare trattarsi di attrezzature di avanguardia poste in opera nelle giuste quantita' considerate volutamente superiori alla media.

Firenze, 8 febbraio 1998

Progettista e Direttore dei lavori:
Dr. Arch. Luigi Caliterna, Firenze

Collaboratori:
Dr. Arch. Cesare Hurtado Rampoldi, Firenze - Dr. Arch. Maria Di Benedetto, Firenze

Progettista e Direttore dei lavori delle strutture e degli impianti:
Dr. Ing. Domenico Nativio - Lanciano

Per la incondizionata fiducia loro accordata i progettisti ringraziano:
Avv. Attilio D'Amico - Sindaco di Lanciano
On. Sen. Prof. Giovanni Polidoro - Sindaco di Lanciano
Prof. Antonio Pasquini - Sindaco di Lanciano
Dr. Alfredo Sabella Commissario Prefettizio al Comune di Lanciano
Dr. Nicola Fosco - Sindaco di Lanciano

La Soprintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali dell'Aquila con particolare riguardo ai Funzionari addetti alla zona di Lanciano

Gli Uffici Comunali preposti

Hanno partecipato all'esecuzione dell'opera con competenza ed appassionata dedizione:

Opere edili
D'Alonzo Calcestruzzi s.n.c. - Altino (Chieti)
Associazione di Imprese Arch. G. Berni - Firenze
Benito Campitelli - Lanciano
De Vincenzo Geom. Giovanni - Campobasso
Ramilli Geom. Vincenzo - Forli'

Impianti di climatizzazione
Anxanum Service - Lanciano

Impianti elettrici
Fantini Nicola - Lanciano

Carpenteria metallica
Fratelli Dell'Elce - Lanciano

Arredi, tessuti, tendaggi
LAIMA - Venezia

Attrezzature di palcoscenico
ITALTECNICA - Padova

Restauro decorazioni murali e pittoriche
Gastone Costantini Restauratore - Lanciano

Il nostro ringraziamento e' esteso anche a coloro che, pur non citati, hanno fornito il loro prezioso contributo e la loro competenza per la realizzazione dell'opera.

Letto 29116 volte

Cerca il nostro canale Telegram @teatrofenaroli per ricevere aggiornamenti

I prossimi eventi

*Natale a Lanciano
Gio 7 Dicembre - Dom 7 Gennaio
XXVIIa Rassegna “RISCOPRIAMO IL PRESEPE”


Auditorium Diocleziano


*Natale a Lanciano
Mer 13 Dicembre 9:00
Cerimonia di premiazione del Concorso ”Lettere d’Amore dal carcere”


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


*Natale a Lanciano
Gio 14 Dicembre 21:00
Concerto di Natale del Trio Interludio


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


*Foyer del Teatro
Sab 16 Dicembre - Mar 26 Dicembre
Mostra di moto d’epoca


Foyer del Teatro “F. Fenaroli”


*Concerto
Sab 16 Dicembre 21:00
Rassegna di lirica, operetta e teatro


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


*Teatro Ragazzi
Dom 17 Dicembre 17:30
CAPPUCCETTO E LA NONNA


Teatro Fenaroli


*Natale a Lanciano
Mar 19 Dicembre 17:30
Concerto di Natale degli allievi del corso ad indirizzo musicale


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


*Natale a Lanciano
Ven 22 Dicembre 17:00
Cerimonia di premiazione della 30a Edizione del Concorso “Letterine a Gesù Bambino”


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


*Concerto
Mar 26 Dicembre 18:00
Concerto di Santo Stefano: "LANCIANO GOSPEL NIGHT"


Teatro Fenaroli


*Concerto
Ven 29 Dicembre 21:00
Concerto del “Quinteto del Angel”


Teatro Comunale “F. Fenaroli”


Calendario

Dicembre 2017
D L M M G V S
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Mailing list

Inserisci la tua email per ricevere informazioni sugli spettacoli; ti sarà mandato un link per attivare l'account

Contatti

(0872) 717148

Via dei Frentani 6 
66034 Lanciano, Chieti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.